spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 3 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A Casetta si rinnova l’appuntamento con la storia e con la festa “Montaperti-Passato e presente”

    Dall'1 al 4 settembre ricco programma fra animazione, musica, tradizioni e sapori del territorio

    CASETTA (CASTELNUOVO BERARDENGA) – Quattro giorni fra storia, musica, animazione, sport e sapori del territorio.

    Da giovedì 1 a domenica 4 settembre a Casetta si rinnova il tradizionale appuntamento con la festa “Montaperti-Passato e presente”, giunta alla 40esima edizione, che proporrà un calendario ricco di iniziative per tutte le età presso gli impianti sportivi della frazione di Castelnuovo Berardenga.

    La festa è organizzata dall’Asd Gruppo sportivo Casetta – Monteaperti con il patrocinio del Comune.

    Il programma. “Montaperti-Passato e presente” si aprirà giovedì 1 settembre, alle ore 20, con la “Cena in pista” e la presentazione del libro “Io c’ero a Monteaperti”, realizzato dai volontari del Circolo Arci Casetta per raccontare le loro attività sul territorio e i 40 anni della festa.

    La serata vedrà la presenza di Chiara Savoi, attrice e guida turistica senese coinvolta anche in progetti di promozione del territorio castelnovino, che darà voce ad aneddoti, ricordi e folklore legati alla festa di Montaperti.

    La colonna sonora sarà affidata a Maurizio Cini, prima di lasciare spazio alla presentazione delle squadre di calcio maschile e femminile del G.S. Monteaperti, ai Balestrieri “Monteaperti 1260” e all’esibizione delle scuole di ballo Algoritmo Dance, Stile contemporaneo Hip pop e Break dance.

    Venerdì 2 settembre la festa riprenderà alle ore 20 con la tradizionale “Cena dell’Ocio” servita nella pista da ballo e accompagnata dai canti della tradizione popolare senese eseguiti dal Coro di San Miniato.

    Sabato 3 settembre sarà l’esibizione della scuola di ballo “MG” di Siena ad aprire una nuova serata di iniziative.

    L’appuntamento è fissato alle ore 18 e sarà seguito dalla “Cena sotto lo stand”, alle ore 20, e dal ballo in pista con l’Orchestra Daniele Desideri, dalle ore 21.30.

    La festa si chiuderà domenica 4 settembre con una giornata densa di appuntamenti per tutti. La mattina torna l’appuntamento con “Le vie della battaglia”, organizzato dall’associazione Camminando a Quercegrossa aps, che proporrà tre percorsi a piedi per rivivere la storia della battaglia tra guelfi e ghibellini riscoprendo i luoghi che segnarono lo scontro nel 1260.

    Gli itinerari partiranno da Siena, Pievasciata e Castellina in Chianti con percorsi di diversa lunghezza e dislivello che arriveranno fino al Colle di Montaperti.

    Le iscrizioni sono aperte fino al 31 agosto e per maggiori informazioni è possibile contattare il numero 3534068038 o scrivere agli indirizzi mail leviedellabattaglia@gmail.com o camminandoaquercegrossa@gmail.com.

    Dalle ore 15.30 la festa “Montaperti-Passato e presente” entrerà nel vivo con la dimostrazione e la prova di tiro con la balestra in compagnia dei Balestrieri di Città di Castello, presso il Granaio di Montaperti, mentre alle ore 17 ci sarà l’atto di affidamento alla Madonna del Voto nella Chiesetta del Martirio, per poi raggiungere il Granaio di Monteaperti in corteo costeggiando il torrente Malena.

    Alle ore 20 sarà la volta della “Cena in battaglia” allestita nel Granaio di Montaperti e accompagnata dallo spettacolo “Boccaccio a Canovaccio” interpretato da Chiara Savoi.

    Il gran finale della festa dedicata alla storica battaglia del 1260 sarà, come da tradizione, la fiaccolata verso il Cippo di Montaperti, che partirà dal Granaio alle ore 22 con le autorità presenti in rappresentanza dei Comuni di Castelnuovo Berardenga e di Siena.

    Per informazioni e prenotazioni, è possibile contattare il numero 3428255110 oppure scrivere a gscasettamonteaperti@gmail.com.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...