mercoledì 8 Luglio 2020
Altre aree

    Amianto, 10 milioni in Toscana per interventi di bonifica in scuole e ospedali

    Fra i progetti di fattibilità tecnica che vi verranno finanziati, anche quelli per le scuole di Gaiole in Chianti e Castelnuovo Berardenga

    FIRENZE – Ci sono oltre 10 milioni di euro in Toscana per finanziare un piano di bonifica dall’amianto che riguarderà diversi edifici scolastici e ospedali in tutta la regione.

    Sono risorse che arrivano dal Fondo di sviluppo e coesione, messe a disposizione del Ministero dell’ambiente grazie alle quali la Giunta toscana tramite l’assessore all’ambiente Federica Fratoni potrà intervenire su 54 scuole e 18 strutture ospedaliere pubbliche e sanificarle per sempre dall’amianto che sarà rimosso e smaltito.

    “Intervenire su edifici strategici come ospedali e scuole per sanare una ferita del passato comporta per me una grande gratificazione – ha detto l’assessore Fratoni – Questo intervento, unico per la quantità di risorse stanziate e per tipologia, sono sicura che segni l’inizio di una politica attenta che di recente si è dotata anche di una pianificazione in materia grazie alle Linee guida approvate in consiglio regionale, un passo fondamentale e prioritario per aumentare la sicurezza dei cittadini, dei lavoratori e dell’ambiente”.

    Nello specifico,  2 milioni e 630mila euro sono destinati a interventi su 54 scuole e  7 milioni e 440mila euro a interventi sui 18 ospedali, la maggior parte da iniziare, alcuni in corso.

    SCUOLE

    Interventi sono stati già eseguiti su: l’ITIS “G. Galilei” Arezzo, ITI L. Vinci di Firenze, la secondaria Dino Compagni di Firenze, la secondaria “Poliziano” di Firenze, la secondaria “Puccini” di Firenze, la primaria “A. Moro” e Infanzia “E. Barsanti” di Piano di Mommio nel comune di Massarosa (LU), l’asilo Nido Pinocchio di Firenze.

    Si finanziano iprogetti esecutiviper: la palestra scolastica – IC di Scarperia e San Piero (FI), l’istituto Minuto di Massa, l’ITIS” E. Fermi” Bibbiena (AR), l’ITIS “G. Galilei” Arezzo. Suc Via Montessori di Arezzo, la secondaria di I grado E. Pistelli di Camaiore (LU), I.C. Don Breschi, Infanzia, primaria e secondaria di Massa Marittima (GR), la scuola media Fucini di Pisa, I.C. D. Campana, Primaria e Secondaria di I° di Marradi (FI), la primaria Barsottini loc. Africa a Pietrasanta (LU), la Sec. I – San Quirico d’Orcia (SI), la materna Pertini di Pisa, la materna Montebianco di Pisa, la sc uola per l’infazia Salgari loc. Strettoia a Pietrasanta (LU), la scuola per l’ Infanzia F.lli Grimm loc. Ponterosso a Pietrasanta (LU).

    Si finanziano i progetti definitivi per: I.C. Cino-Galei, Secondaria di I Cino da Pistoia a Pistoia, l’istituto Pascoli di Massa, l’istituto Barsanti di Massa, la Scuola Media M. Buonarroti di Sansepolcro (AR), la Secondaria di I Antonio Pacinotti di Pontedera (PI), la scuola Second. L. da Vinci Loc. Matassino a Figline Valdarno-Incisa (FI), la Don Milani – Fasolo di Firenze, la scuola primaria G.Pascoli di Pontedera (PI), la scuola per l’infanzia Arcobaleno Primaria Paliotti di Cortona (AR), la scuola dell’infanzia Fonterossa di Arezzo.

    Si finanziano i progetti di fattibilità tecnico-economica per: ISIS Leopolodo II di Lorena Az. Agraria scolastica loc. Macchiascandona a Grosseto, ITIS “G. Ferraris” – Palestra di Arezzo, l’ITI Galilei di Livorno, il liceo Fermi di Massa, ITCG “E. Fermi” (edificio nord) di Pontedera (PI), Liceo “E. Montale” (sede via Puccini) – Pontedera (PI), succursale I.S.I.S. Sismondi Pacinotti di Pescia (PT), la secondaria di I “San Bernardino” di Siena, la  primaria Argentina Altobelli di Campiglia marittima (LI), la palestra scolastica Via Boni di Casciana Terme – Lari (PI), il liceo Cecioni di Livorno,  la scuola p rimaria G. Giusti di Ponsacco (PI), la Scuola G. Pascoli/ D’Angeli di Montecatini Terme (PT), l’istituto professionale .Serv.Agr. Svil.Rur “A.M.CAMAITI” di Arezzo, Primaria Via Casabianca Secondaria I Bettino Ricasoli di Gaiole in Chianti (FI),  la scuola primaria Nazario Sauro di Comeana a Carmignano (PO), Scuola Elementare P. Vannucci di Suvereto (LI), Scuola primaria N. Machiavelli Via Gramsci di Montespertoli (FI), la scuola secondaria di I Grado “E. Fabietti” di Cetona (SI), la scuola primaria Rodari di Castelnuovo Berardenga (SI), l’istituto professionale Magiotti di Arezzo, la Scuola Casciani Via Casciani di Montecatini Terme (PT), la scuola primaria  Edmondo de Amicis di Poggio a Caiano (PO).

    OSPEDALI

    le Scotte di Siena l’unico su cui sono già in corso, il CTO di Careggi Firenze, l’ospedale del Mugello (FI), l’ ospedale S. Donato di Arezzo, San Damiano a Careggi (FI), il Banti a Vaglia (FI), San Salvi a Firenze, il presidio Santa Rosa a Firenze, Ex Poliambulatorio Colle Val d’Elsa (SI), il Centro Sanitario Polifunzionale Quartiere Gobetti di Aulla (MS), Distretto Socio Sanitario Montecatini Terme (PT),  l’edificio S.Fina San Gimignano (SI), ospedale del Cuore G. Pasquinucci a Massa, il presidio ospedaliero di Volterra, il presidio “Misericordia e Dolce” di Prato, il presidio di Portoferraio, il Distretto di Via Saragat a Pisa e il Palagi di Firenze.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...