spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Associazione Filarmonico Drammatica: a Castelnuovo, le celebrazioni per i 60 anni

    Della sede in piazza della Citerna. Iniziative a partire dalle ore 10.45 per ricordare la storia e le attività sociali e culturali dell'associazione

    CASTELNUOVO BERARDENGA – “1960-2021: una storia castelnovina di musica, teatro e di un circolo”.

    E’ questo il titolo che accompagnerà le celebrazioni per i 61 anni della costruzione del Circolo di Castelnuovo organizzate dall’Associazione Filarmonico Drammatica di Castelnuovo Berardenga e in programma domani, domenica 19 dicembre.

    Le celebrazioni, promosse con il patrocinio del Comune castelnovino, si apriranno alle ore 10.45 nei locali dell’Associazione Filarmonico Drammatica, in piazza della Citerna 4, con l’inaugurazione dell’opera d’arte di Fabio Zacchei e la benedizione di Don Vezio.

    Seguita dalle note del Gruppo Bandistico “G. Verdi” e dai saluti del sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi, e del presidente dell’Aps Filarmonico Drammatica di Castelnuovo Berardenga, Andrea Borgna.

    Alle ore 11.15 sarà presentato il libro “Dicembre 1960, inaugurazione della nuova sede sociale in Piazza della Citerna”, con gli interventi degli autori Luca Bonechi, Fosco Vivi e Alessandro Rigacci, prima di lasciare spazio al pranzo sociale.

    Nel pomeriggio, la festa continuerà con attività ricreative e giochi sociali.

    Informazioni

    Le celebrazioni si svolgeranno nel rispetto delle vigenti norme anti Covid-19, con obbligo di Green Pass Rinforzato.

    Per informazioni, è possibile contattare i numeri 3475410615, 3338644767 e 3339513833.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...