spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo B.ga: a San Polo si inaugura il primo orto urbano gestito dai cittadini

    Appuntamento mercoledì 13 settembre alle 18. Previsto anche un secondo orto urbano a Ponte a Bozzone

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Sarà inaugurato mercoledì 13 settembre a San Polo il primo orto urbano assegnato nel territorio di Castelnuovo Berardenga.

    Realizzato con il progetto “Centomila orti in Toscana”, promosso dalla Regione Toscana per riqualificare e valorizzare terreni pubblici incolti come spazi per la coltivazione orticola a uso domestico con obiettivi didattici e sociali.

    L’appuntamento, rinviato nei mesi scorsi a causa del maltempo, è in programma alle ore 18 alla presenza dei rappresentanti dell’amministrazione comunale e dei cittadini che cureranno l’orto urbano assegnato loro con un bando gestito da Comune e Associazione Società Filarmonico Drammatica di Castelnuovo Berardenga.

    Un secondo orto urbano sarà inaugurato nelle prossime settimane a Ponte a Bozzone.

    “Siamo orgogliosi di dare concretezza al progetto Centomila orti in Toscana – afferma Fabrizio Nepi, sindaco di Castelnuovo Berardenga – perché ci permette di riqualificare aree verdi incolte e di metterle a disposizione della comunità”.

    “Grazie a un investimento complessivo di circa 53 mila euro – ricorda – di cui 33 mila euro del Comune e 20 mila euro di contributo della Regione Toscana, abbiamo potuto delimitare gli orti urbani, dotandoli di una piccola serra e di una casina comune per il deposito di attrezzi e altro materiale”.

    “Gli appezzamenti di terreno – conclude – hanno una superficie variabile di circa 30 mq ciascuno e l’assegnazione ha una durata di 5 anni”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...