spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo: bando per esercizi commerciali interessati ad accettare i buoni spesa

    Domande fino al 16 dicembre per panetterie, pasticcerie, macellerie, generi alimentari e farmacie

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Costituire un elenco di esercizi commerciali disponibili ad accettare i buoni spesa erogati dal Comune di Castelnuovo Berardenga.

    E’ questo l’obiettivo del bando aperto fino al 16 dicembre e rivolto alla piccola e grande distribuzione, panetterie, pasticcerie, macellerie, pollerie, esercizi di generi alimentari, farmacie e parafarmacie con sede nel comune castelnovino.

    Gli esercizi commerciali convenzionati saranno chiamati ad accettare i buoni spesa erogati con il bando pubblicato nei giorni scorsi dal Comune, con domande aperte fino al 16 dicembre 2021, da utilizzare tramite la tessera sanitaria soltanto per l’acquisto di generi alimentari, farmaci, parafarmaci, articoli medicali e ortopedici e per i pagamenti dei bollettini relativi a utenze quali acqua, corrente elettrica e gas.

    Come presentare la domanda

    I titolari degli esercizi commerciali interessati a convenzionarsi con il Comune di Castelnuovo Berardenga per l’accettazione dei buoni spesa possono sottoscrivere la manifestazione di interesse disponibile sul sito www.comune.castelnuovo.si.it e inviarla all’indirizzo protocollo@comune.castelnuovo.si.it.

    Alla domanda di partecipazione dovrà essere allegata copia di un documento di riconoscimento in corso di validità del legale rappresentante dell’esercizio commerciale.

    Per ulteriori informazioni, è possibile rivolgersi all’Ufficio Servizi Sociali, ai numeri 0577351340 oppure 0577351344.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...