spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 8 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo Berardenga: sabato la presentazione del libro “Paese mio che stai sulla collina”

    Il volume è curato da Gianni Resti, Alessandro Rigacci e Fosco Vivi insieme ad altri 7 autori legati al territorio: 240 pagine per raccontare com'era e come sarà

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Si intitola “Paese mio che stai sulla collina” il libro dedicato a Castelnuovo Berardenga attraverso storie e racconti tra passato e futuro che sarà presentato sabato 22 ottobre, alle ore 17, al Teatro comunale “Vittorio Alfieri”.

    Il volume, curato da Gianni Resti, Alessandro Rigacci e Fosco Vivi, ha contato anche sul contributo di altri autori legati al territorio castelnovino – Claudio Biscarini, Lorenzo Borgogni, Fausto Giganti, Gabriele Maccianti, Samuele Mastio, Paolo Mugnai e Monica Roncucci – e rappresenta un vero e proprio omaggio alla storia e al patrimonio culturale e sociale di Castelnuovo Berardenga fra passato e futuro.

    La presentazione del libro sarà moderata da Alessandro Rigacci e vedrà la presenza del sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi, di tutti gli autori e di alcuni protagonisti nelle pagine del libro stesso.

    In occasione della presentazione, il volume potrà essere acquistato a prezzo ridotto.

    Il libro, composto da 240 pagine arricchite da foto e illustrazioni anche inedite, è nato su iniziativa di un gruppo di autori interessati alla storia e alle vicende più o meno recenti di Castelnuovo Berardenga e del suo territorio, che hanno voluto valorizzare l’identità e il patrimonio storico, culturale e sociale del paese castelnovino partendo dal passato, con un’attenzione particolare dal Novecento a oggi, arrivando al presente e guardando al futuro con alcune idee concrete rivolte soprattutto ai più giovani.

    Il volume diventa, così, un compendio su Castelnuovo Berardenga come era, come è e come sarà e rappresenta un dono degli autori a tutta la comunità castelnovina con un grande gesto di amore per il proprio paese.

    Il volume parte da un contributo storico curato da Fosco Vivi su Castelnuovo Berardenga fino al XX secolo e continua con un omaggio, firmato da Monica Roncucci, ai caduti della Grande Guerra, a cui sono dedicati oggi il Monumento e il Parco della Rimembranza.

    Nelle pagine successive c’è spazio per riscoprire Castelnuovo Berardenga tra le due guerre mondiali, con Gabriele Maccianti, e il periodo compreso fra Resistenza e Liberazione (8 settembre 1943 -15 luglio 1944), con Claudio Biscarini.

    Castelnuovo Berardenga negli anni ’60 e ’70 del Novecento è al centro del contributo curato da Gianni Resti attraverso luoghi e personaggi legati al territorio.

    Mentre Alessandro Rigacci, insieme a Samuele Mastio, ha raccolto testimonianze di cittadini castelnovini che hanno vissuto il periodo compreso fra l’avvento del fascismo e la conclusione della seconda guerra mondiale, offrendo uno spaccato di vita vissuta dell’epoca.

    Paolo Mugnai, invece, racconta la storia di Castelnuovo Berardenga attraverso le cartoline postali d’epoca, prima di lasciare spazio alle interviste ai giovani cittadini sul presente e sul futuro del territorio attraverso questionari curati da Samuele Mastio, Fausto Giganti e Lorenzo Borgogni.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua