spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo Berardenga: tre serate fra musica e cultura alla Certosa di Pontignano

    Primo appuntamento venerdì 19 novembre con "Due rivoluzioni" del Trio d'archi dell'ORT. Venerdì 10 dicembre spazio alla musica jazz; il 17 alla riscoperta del Medioevo

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Tre serate di musica e cultura nella cornice della Certosa di Pontignano.

    Sono quelle in programma con il titolo “Incontri d’Autunno” che prenderanno il via venerdì 19 novembre con il concerto “Due rivoluzioni” del Trio d’archi dell’ORT, Orchestra Regionale della Toscana, e proseguiranno venerdì 10 dicembre con la lezione-concerto “I mille volti del jazz” e venerdì 17 dicembre con l’incontro “Il Medioevo immaginifico”.

    Gli appuntamenti – promossi da La Certosa di Pontignano, Università degli Studi di Siena e Lo Stanzone delle Apparizioni con il patrocinio del Comune di Castelnuovo Berardenga – saranno divisi in una prima parte, dalle ore 18.45 alle 19.45, e una seconda parte, dalle ore 21 alle 22, intervallate dal buffet.

    Gli appuntamenti

    Gli “Incontri d’Autunno” si apriranno venerdì 19 novembre con “Due rivoluzioni”, performance che vedrà protagonisti il Trio d’archi dell’ORT, Orchestra Regionale della Toscana, composto da Clara Franziska Schötensack, violino, Stefano Zanobini, viola, e Augusto Gasbarri, violoncello, con brani tratti dal repertorio di Giuseppe Cambini, Ludwig van Beethoven e Mieczysław Weinberg.

    L’appuntamento sarà un omaggio ai tre compositori e al loro periodo storico, segnato dalla Rivoluzione francese del 1789 e dalla Rivoluzione russa del 1917, con un’introduzione ai brani curata dagli stessi musicisti per contestualizzare la loro esibizione.

    Venerdì 10 dicembre sarà la volta de “I mille volti del jazz”, lezione-concerto in compagnia di Ares Tavolazzi al contrabbasso, Stefano “Cocco” Santini al sax, Francesco Maccianti al piano e Piero Borri alla batteria.

    La performance coinvolgerà attivamente il pubblico alla scoperta del jazz unendo musica, cultura, grammatica musicale, strutture armoniche e ritmiche dei brani proposti e stimolando un confronto diretto con gli spettatori sull’aspetto emozionale e l’interplay grazie alla presenza di strumenti e musicisti dal vivo.

    Il terzo e ultimo appuntamento, in programma venerdì 17 dicembre con l’incontro “Siena: il Medioevo immaginifico”, sarà un viaggio del territorio in compagnia di Duccio Balestracci, già docente di storia medievale dell’Università degli Studi di Siena, e Marco Valenti, docente di archeologia cristiana e medievale presso lo stesso Ateneo senese.

    L’iniziativa accompagnerà il pubblico alla riscoperta del Medioevo nella cultura romantica europea in contrasto con gli eccessi della Rivoluzione francese e con l’emergente rivoluzione industriale, fra stereotipi e interpretazioni nel corso dei secoli.

    Informazioni

    Gli appuntamenti si svolgeranno nel rispetto delle norme anti Covid-19, con obbligo di prenotazione al numero 05771521104 oppure via WhatsApp al numero 3313964978 o scrivendo all’indirizzo di posta elettronica info@lacertosadipontignano.com.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...