spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Marzo 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo: Comune al fianco di famiglie e imprese. Istituito un nuovo fondo di garanzia

    Convenzione con il Microcredito di Solidarietà per agevolare prestiti a favore di famiglie e imprese in difficoltà; stanziate anche altre risorse per il Fondo di Solidarietà Comunale e il contributo affitti

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Castelnuovo Berardenga rafforza il sostegno sociale ed economico per famiglie e imprese del territorio colpite dall’emergenza sanitaria e guarda anche alla ripartenza post Covid-19.

    Nel corso del consiglio comunale che si è svolto ieri, giovedì 17 dicembre, è stata approvata all’unanimità una convenzione con il Microcredito di Solidarietà con cui il Comune castelnovino metterà a disposizione 200mila euro per sostenere le imprese con domicilio fiscale a Castelnuovo Berardenga, residenti con attività imprenditoriali fuori dal Comune e nuclei familiari in difficoltà facendosi garante dei prestiti erogati.

    Nel corso della seduta, è stata approvata anche una variazione straordinaria al bilancio di previsione per il 2020 che permetterà di stanziare ulteriori risorse a supporto di soggetti maggiormente in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria.

    La convenzione fra il Comune di Castelnuovo Berardenga e il Microcredito di Solidarietà punta a sostenere sia le attività in difficoltà a seguito dell’emergenza sanitaria che l’avvio di nuove realtà imprenditoriali che in questo momento non riescono ad accedere al credito bancario o finanziario.

    Le risorse saranno disponibili da fine dicembre 2020 con un iter più rapido e semplice che vedrà l’amministrazione comunale come soggetto garante.

    Attraverso lo stanziamento di 200 mila euro, infatti, il Comune castelnovino si è impegnato a costituire presso il Microcredito di Solidarietà un fondo di garanzia a copertura di eventuali insolvenze per agevolare l’accesso al credito delle fasce sociali più colpite dall’emergenza Covid-19.

    Le risorse stanziate con la variazione di bilancio  comprendono ulteriori 5 mila euro a favore del Microcredito di Solidarietà per integrare i 20 mila euro già stanziati dal Comune nei precedenti esercizi finanziari per aiutare famiglie in difficoltà; 30 mila euro da destinare al Fondo di Solidarietà Comunale entro la fine del mese di dicembre a supporto delle situazioni socio-economiche più gravi, e 25.000 euro per integrare quanto già stanziato dal Comune nel 2020 per il contributo affitti attraverso fondi regionali.

    Le nuove risorse consentiranno di soddisfare tutte le richieste pervenute con il bando pubblicato nei mesi scorsi e giudicate idonee.

     L’atto è stato votato con il voto favorevole del gruppo consiliare “Scelgo Castelnuovo” e l’astensione del gruppo “Potere al Popolo”, mentre il gruppo “Centrodestra per Castelnuovo” ha espresso un voto di astensione e due contrari.

    “In un momento sociale ed economico complesso per tante famiglie e imprese come quello attuale – afferma il sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi – l’amministrazione comunale ha voluto rafforzare il supporto al Microcredito di Solidarietà, uno strumento che può aiutare a superare difficoltà e disagi, a prevenire povertà ed emarginazione sociale e a rilanciare la nostra economia con nuovi investimenti o aperture di attività”.

    “Attraverso le risorse erogate dal Microcredito di Solidarietà infatti – aggiunge Nepi – è possibile contare su risorse alternative rispetto a finanziamenti tradizionali che rendono più difficile, e talvolta impossibile, l’accesso al credito bancario da parte di soggetti che non hanno garanzie idonee al prestito ordinario ma sono in grado di impegnarsi in un progetto di sviluppo delle proprie idee”.

    “Questo piano straordinario di aiuti – dice ancora Nepi – si aggiunge alle numerose iniziative promosse fin dall’inizio dell’emergenza sanitaria a favore di diverse categorie della nostra comunità ed è stato possibile grazie alla solidità del bilancio comunale. Il suo obiettivo è duplice: offrire sostegno immediato alle necessità socio-economiche emerse in questi mesi e proporre azioni per il rilancio del nostro tessuto sociale ed economico dopo l’emergenza”.

    “Il nuovo fondo di garanzia è un risultato importante per tutti i residenti e domiciliati nel Comune di Castelnuovo Berardenga – commenta il presidente di Microcredito di Solidarietà Vittorio Stelo – frutto della stretta collaborazione che lega il Microcredito di Solidarietà al Comune”.

    “Questa convenzione – rimarca – che potrebbe costituire un esempio da seguire da parte di altri enti locali, peraltro in aggiunta ad altra già operante dal 2014, è per noi motivo di soddisfazione perché si aggiunge a tante operazioni dell’ultimo anno volte a potenziare l’intervento di Microcredito a sostegno di famiglie bisognose, con l’auspicio di essere utili e decisivi soprattutto in questo momento di forti difficoltà rese più acute dall’emergenza sanitaria ancora in corso”.

    Microcredito di Solidarietàè stato fondato a Siena nel 2006 da Banca Monte dei Paschi di Siena, Comune e amministrazione provinciale di Siena, Diocesi di Siena e quella di Montepulciano, altri Comuni della provincia, le associazioni di volontariato  e grazie al supporto indiretto della Fondazione Mps, per far fronte a necessità finanziarie di privati e famiglie che trovavano difficoltà ad accedere ai canali ordinari del credito bancario e aiutare, così, a superare difficoltà economiche temporanee o avviare una nuova attività imprenditoriale.

    La società opera oggi attraverso 40 centri di ascolto in locali messi a disposizione da Banca Mps nella sede di Siena e presso le associazioni di volontariato nelle province di Siena, Massa Carrara e Grosseto. I centri di ascolto sono aumentati nel corso del 2019 grazie alle convenzioni con la Diocesi di Grosseto e il Comune di Follonica. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...