spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo: il 6 dicembre incontro per la candidatura Unesco del sistema ville-fattoria nel Chianti Classico

    Alle ore 17.30 nell'Auditorium di Villa Chigi. Il sindaco Nepi: "Una grande opportunità per tutta l'area"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Il percorso per sostenere la candidatura Unesco del sistema delle ville-fattoria nel Chianti Classico fa tappa a Castelnuovo Berardenga.

    L’appuntamento è per mercoledì 6 dicembre, alle ore 17.30, nell’Auditorium di Villa Chigi ed è promosso dalla Fondazione per la tutela del territorio del Chianti Classico Ets.

    In collaborazione con i Comuni chiantigiani e la Regione Toscana, per coinvolgere attivamente i cittadini, le associazioni e tutti coloro che vorranno partecipare, al percorso di candidatura.

    Ad aprire l’incontro saranno Fabrizio Nepi, sindaco di Castelnuovo Berardenga; Simone Bezzini, assessore della Regione Toscana, e Tessa Capponi Borawska, della Fondazione per la tutela del territorio del Chianti Classico Ets.

    Alle ore 17.45 sarà presentato il progetto di candidatura con la presenza dei consulenti Manuel Roberto Guido, Patrizia Pulcini e Paola Eugenia Falini, direttore e coordinatore scientifico.

    Dalle ore 18.30 ci sarà spazio per le domande e il dibattito con interventi aperti ai partecipanti all’evento.

    “La candidatura Unesco delle ville-fattoria del Chianti – afferma il sindaco Nepi – rappresenta una grande opportunità per tutta l’area”.

    “Il Chianti Classico – conclude – già conosciuto in tutto il mondo, potrebbe, infatti, contare su una nuova e prestigiosa vetrina internazionale per il ricco patrimonio antropologico, storico e culturale conservato con le ville-fattoria, oltre che su un ulteriore volano economico e occupazionale per tutti i territori coinvolti”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...