spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Castelnuovo Storia e Arte/2: pecorino, fave e porchetta nel prato della Badia a Monastero

    Sguardo alla Badia, parole e domande di approfondimento sul luogo, poi cala il silenzio: piatto di coccio, con vasta porzione di fagioli e porchetta...

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Il quarto atto di “Castelnuovo Storia e Arte” 2023, sospende per due ore il culturale per passare… al ricreativo.

    Con l’ombra fresca dei cedri in mezzo al prato, che fanno da ombrellone al pranzo organizzato dai volontari dall’Associazione Filarmonica di Castelnuovo.

    Per molti la prima panzanella della stagione, sublime accostamento di ingredienti semplici, senza nessuno che ne abbia il predomio.

    Vassoiate di pecorino fresco e baccelli e primo giro di rosso del luogo.

    Pausa di riflessione, sguardo alla Badia, parole e domande di approfondimento sul luogo, poi cala il silenzio: piatto di coccio, con vasta porzione di fagioli e porchetta.

    In questo istante, potrebbe finire il mondo, ma con il sorriso.

    Pausa di riflessione, sgranchimento di gambe, giro delle sedie alla ricerca dell’ombra sublime al sole che gira, giro di vinsanto e cantucci.

    Fine del ricreativo, si torna al culturale, si accatastano tavoli e panche, il prossimo appuntamento alla Villa Chigi Saracini, del capoluogo.

    Andrea Pagliantini

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...