spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Futuro di Villa Chigi Saracini: la volontà dell’amministrazione comunale di Castelnuovo Berardenga c’è”

    Contributo (di Andrea Pagliantini) dopo la tavola rotonda del 2 giugno scorso, in cui ci si è confrontati su quello che potrà essere di questa struttura incredibile nel cuore del Chianti senese

    CASTELNUOVO BERARDENGA – In occasione dell’edizione 2023 di “Castelnovino” si è svolta, lunedì 2 giugno, una tavola rotonda sul presente e sul futuro di Villa Chigi Saracini.

    Una struttura potenzialmenta trascinante per l’intero territorio, ma che ad oggi ancora non lo è.

    Se n’è parlato anche alla presenza del sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi.

    Questo è il contributo sulla giornata inviato al Gazzettino del Chianti da Andrea Pagliantini.

    “La garanzia è che ci sarà l’impegno per fare in modo che la Villa possa cambiare in positivo la vita e le aspirazioni delle persone di questo paese e comune”.

    Queste le confortanti parole di Fabrizi Nepi – sindaco di Castelnuovo Berardenga – a chiusura del convegno sul “Passato, presente e futuro della Villa Chigi Saracini”, sulla possibilità che un bene così importante e imponente possa diventare (in un futuro certo non dietro l’angolo) di uso e proprietà pubblica.

    L’introduzione al convegno di Fosco Vivi è impietosa: una carrellata di immagini scattate nel 2018 e nel 2023 alle varie statue del giardino certificano come in soli cinque anni l’abbandono di fatto in cui versa la Villa, abbia contribuito a rendere illeggibili parti o intere opere (busti di musicisti famosi) di Vico Consorti o Tito Sarrocchi, disposte nei quasi tre ettari del giardino.

    “Il fatto che la comunità non abbia potuto vivere la Villa e il Parco è stato un danno enorme per il paese di Castelnuovo” dice ancora Fosco Vivi.

    E ancora: “La Villa che si trovava nelle disponibilità del Monte dei Paschi (banca di diritto pubblico) nel momento in cui si doveva decidere del suo futuro, venne inserita fra i beni privati della Banca (Sansedoni Immobiliare). Scelte economiche e politiche fatte all’epoca che hanno portato un danno enorme alla Comunità di Castelnuovo”.

    E’ anche vero che storicamente la Villa è sempre stata vista dalla popolazione come una “Città proibita” dove il conte Guido Chigi Saracini si intratteneva con gli ospiti, dava feste, coltivava la passione per la musica, ma con le persone ben fuori dai cancelli e dalle mura, come avviene attualmente.

    La dottoressa Anna Nocentini – bibliotecaria presso l’Accademia Musicale Chigiana di Siena – con garbo e competenza ha narrato la storia della Villa (nata per volontà del suo ideatore e costruttore Galgano Saracini), i vari proprietari che si sono succeduti fino a Fabio e poi Guido Chigi Saracini (il grande mecenate della musica).

    Enrico Toti – storico dell’arte – ha iniziato il suo intervento dicendo che “le statue, i manufatti in genere, sono dei malati, ma che possono essere tranquillamente curati e riportati in salute, salvo trovare i finanziamenti per farlo”.

    In tal senso però c’è da dire che anni e anni di abbandono nella manutenzione ordinaria, portano la Villa a essere ogni giorno sempre più onerosa e complicata nelle cure delle strutture.

    Il noto storico dell’arte ha poi continuato la relazione sull’importanza dell’architetto Agostino Fantastici nella costruzione e arredo della noble magione e di tante altre opere sparse sul territorio comunale come il vecchio ponte di Pianella, la chiesa dei Santi Giusto e Clemente, Arceno, con la villa e il parco romantico.

    Settemila metri quadri di fabbricati, quasi tre ettari di parco, il tutto messo a bilancio della Sansedoni Immobiliare per dieci milioni di euro.

    Amministrazione comunale e proprietà della struttura, hanno avuto modo di relazionarsi e confrontarsi molte volte sul tema Villa Chigi Saracini e sulla possibilità che possa un giorno diventare un bene di tutta la comunità.

    La strada non sarà né corta né pianeggiante, ma la volontà c’è: quella che mancò almeno trent’anni fa per far fare un enorme salto di qualità culturale e di benessere al paese di Castelnuovo.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...