spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco di Castelnuovo B.ga: “Dati Asl Sud Est, Covid letale 10 volte in meno. Grazie ai vaccini”

    "Se questi dati dovessero trovare conferma nelle prossime settimane potremmo pensare ad una diversa gestione dell'emergenza, almeno per le persone che hanno completato il ciclo vaccinale"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – E’ un Fabrizio Nepi che sta sui numeri quello che saluta questo difficile 2021 dalla poltrona di primo cittadino di Castelnuovo Berardenga.

    “Ieri – dice il sindaco castelnovino – si è svolto un incontro in videoconferenza, con i aindaci della provincia di Siena, la Asl Toscana Sud Est, la Provincia e la Prefettura di Siena, rispetto alle ultime disposizioni normative e l’analisi dei dati di questa fase pandemica”.

    “I due dati più rilevanti – prosegue – confrontando il 2020 (prima del vaccino) 2021 (post vaccino) dicono: un aumento di casi fra le 5 e le 10 volte superiori, passando a 100 casi per 100.000 abitanti del 2020 e potrebbero arrivare a i 1.000 casi per 100.000 abitanti del 2021″.

    “La diminuzione del tasso di mortalità – rimarca – che in Toscana passa dal 6,5 % decessi/casi allo 0,48% se compariamo i dati dal 1 dicembre al 28 dicembre 2020/2021″.

    “Questi due elementi – prosegue Nepi – indicano l’enorme contagiosità della variante Omicron, ma soprattutto l’evidenza che i vaccini ci hanno dato una copertura tale da poter considerare ad oggi il Coronavirus circa 10 volte meno pericoloso di come abbiamo imparato a conoscerlo”.

    “Se questi dati dovessero trovare conferma nelle prossime settimane – conclude Nepi – potremmo pensare ad una diversa gestione dell’emergenza sanitaria, almeno per le persone che hanno completato il ciclo vaccinale”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...