sabato 6 Marzo 2021
Altre aree

    L’annuncio del sindaco Nepi: “Conclusa la prima fase di vaccinazioni all’Rsa Villa Chigi”

    Il primo cittadino di Castelnuovo Berardenga: "Affrontiamo con maggiore fiducia le complesse sfide dei prossimi mesi, con la speranza che la campagna di vaccinazione prosegua velocemente"

    CASTELNUOVO BERARDENGA – Soddisfazione e anche un po’ di sollievo. Insieme alla consapevolezza che è solo un primo passo.

    C’è questo nelle parole del sindaco di Castelnuovo Berardenga, Fabrizio Nepi, in merito al primo “giro” di vaccinazioni anti Covid-19 nell’Rsa “Villa Chigi”.

    “Ieri – dice Nepi – si è conclusa la prima fase della vaccinazione per gli ospiti e gli operatori della Rsa “Villa Chigi” di Castelnuovo Berardenga, per questo voglio ringraziare tutti gli operatori sanitari, socio-sanitari e tutto il sistema sanitario regionale per il lavoro svolto in queste ore”.

    “La notizia dell’avvenuta vaccinazione degli ospiti della nostra casa di riposo – precisa – è un elemento estremamente importante”.

    “Iniziare le vacinazioni dalle Rsa – riprende Nepi – è stata una scelta giusta da parte della Regione Toscana, perché si intercettano i soggetti più a rischio e indifesi rispetto al virus”.

    “La tutela della salute delle persone anziane – tiene ad agiungere il primo cittadino – che rappresentano un prezioso patrimonio di conoscenze, e che tanto ci ha tenuto in apprensione in questo periodo”.

    “Ora – conclude – affrontiamo con maggiore fiducia le complesse sfide dei prossimi mesi, con la speranza che la campagna di vaccinazione prosegua velocemente e possa mettere in sicurezza tutte le categorie a rischio nel più breve tempo possibile”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...