spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Le Poste… lacunose della Berardenga: essere cittadini qua una condanna più che un orgoglio”

    "Nel 2015 le proteste dei cittadini di San Gusmè per la chiusura dell'ufficio nella frazione. Oggi "ripiega" anche quello del capoluogo..."

    Era l’anno di grazia 2015, quando i cittadini di San Gusmè si ritrovarono davanti all’Ufficio Postale del capoluogo (Castelnuovo) per protestare contro la chiusura dell’importante servizio nella frazione.

    Con l’intento di tenere aperto lo sportello per le ovvie esigenze della popolazione.

    Sindaci e autorità dell’epoca si espressero nell’ennesimo (sterile) comunicato stampa per dire quanto le Poste centrali fossero cattive, ma niente virò verso qualcosa di utile alla popolazione.

    Divertente (si fa per dire) che l’Ufficio di fronte al quale i “frazionisti” sangusmeini, invenivano nei confronti del mal servizio delle Poste, si attui la stessa identica politica di ripiegamento.

    Una popolazione composta di migliaia di persone, la retrocessione dell’Ufficio a “periferico”.

    La sala d’aspetto nel Circuito Automobilistico Cittadino di via Roma, un solo sportello aperto, disagi, code chilometriche sotto la pioggia o il sole, di fronte proprio al palazzo comunale.

    Se essere cittadini della Beradenga è più una condanna che un orgoglio, questo è uno dei tanti modi per prenderne atto.

    Andrea Pagliantini

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...