spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Gusmè: il Premio alla Carriera “Stelle dello Spettacolo” andrà a Sandra Milo

    Sarà consegnato nel corso della serata di gala del prossimo venerdì 5 agosto: a ricevere gli ospiti sarà il direttore artistico Marco Predieri

    SAN GUSME’ (CASTELNUOVO BERARDENGA) – Andrà a Sandra Milo, diva del cinema e della televisione e Musa di Federico Fellini, il Premio alla Carriera “Stelle dello Spettacolo”, che sarà consegnato nel corso della serata di gala del prossimo venerdì 5 agosto.

    Appuntamento nel Chianti Senese, a San Gusmè, nel comune di Castelnuovo Berardenga, dove a ricevere gli ospiti sarà il direttore artistico Marco Predieri.

    “Quella che stiamo per inaugurare sarà un’edizione molto ricca sia di amici che di novità – spiega l’attore e regista, che questo evento ha ideato insieme alla produttrice Laura Cellerini – a cominciare dalla location, il suggestivo borgo fortificato di San Gusmè, che emerge tra i vigneti”.

    “Le sue piazzette medievali – prosegue – ospiteranno sia il ricevimento, che precederà lo spettacolo, che lo spettacolo stesso durante il quale saranno consegnati i riconoscimenti agli ospiti che ci onoreranno dei loro talenti”.

    “Poi sarà un po’ l’anno della nostra maturità – rimarca – che ci consente anche di promuovere un proficuo incontro tra le generazioni, sostenendo anche artisti emergenti. Oltre a Sandra Milo avremo con noi uno dei più significativi cantautori italiani, Michele Pecora, la cantautrice e produttrice discografica Silvia Vavolo, una star del musical a livello europeo qual è Francesca Taverni e una presenza molto preziosa e fortemente voluta, quella della cantautrice ucraina Eka“.

    “Torna poi come madrina anche Margherita Fumero – anticipa Predieri – non potevamo rinunciare alla sua energia”.

    “Ecco – prosegue – accanto a questi nomi ci saranno i giovani appunto, a cominciare dai My Tin Apple, tra le più interessanti rock band del nuovo panorama musicale italiano. E tre attori e illusionisti che sono molto seguiti sui social, ma che si fanno notare sopratutto per i loro reali talenti: Elettra Tercon e Giorgio Andolfatto, dalla trasmissione di Rai 2 “Voglio essere un mago” e Andrea Geminiano, tal talent “I am a magician””.

    A condurre accanto a Marco Predieri troveremo Raffaele Totaro e Maria Rita Scibetta, “due fratelli di scena”, li definisce lo stesso Predieri, mentre la direzione tecnica sarà affidata a Matteo Lorini.

    “E anche in questo caso parliamo di talento – conclude Predieri – perché Matteo sa creare atmosfere veramente magiche con le luci, inoltre è uno dei migliori tecnici del suono in circolazione, il suo lavoro fa lo spettacolo tanto quanto i protagonisti che lo animano”.

    La manifestazione è sostenuta dal Comune di San Gusmè e promossa dal consiglio regionale della Toscana.

    Nella consueta formula che unisce arti di scena ed eccellenze del territorio le personalità premiate riceveranno un pregiato vino loro abbinato, che quest’anno sarà fornito dalla Tenuta di Arceno, marchio tra i più illustri del Chianti Classic o e della Berardenga, e soggiorneranno ospiti presso il suggestivo Casale Rosennano, dove è allestita anche la segreteria organizzativa.

    L’evento è aperto al pubblico: 28 euro compreso ricevimento, 18 euro solo spettacolo. Info e prenotazioni al numero 3402533065.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...