spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Siena, Rosia e Castelnuovo Berardenga: quattro persone denunciate per truffe online

    Ancora una volta, alcuni cittadini sono finiti nelle trappole on line, consumate con le più svariate modalità. A manovrare le fila dei raggiri esperti e veri professionisti del crimine

    SIENA – A conclusione di diverse attività di indagine, il 13 marzo scorso i carabinieri delle Stazioni di Siena, Rosia e Castelnuovo Berardenga hanno denunciato quattro persone indiziate di avere truffato (online) altrettante vittime.

    Con il diffondersi dell’uso del commercio elettronico abbiamo assistito negli ultimi anni ad un incremento notevole di questi reati.

    A manovrare le fila dei raggiri esperti e veri professionisti del crimine. Soggetti senza scrupoli che cercano di inserirsi in questi circuiti ed effettuare delle truffe con conseguenze sotto il profilo economico per le vittime di una certa rilevanza.

    Ancora una volta, alcuni cittadini sono finiti nelle trappole on line, consumate con le più svariate modalità.

    La prima consumata a Siena mediante la tecnica dello “smishing”: la donna truffata ha denunciato ai carabinieri della Stazione di Siena che, alcuni giorni prima, aveva ricevuto una telefonata da parte di uomo.

    Il quale, qualificatosi come operatore della sua banca, le spiegava l’insorgere di problematiche di gestione del suo conto corrente on line. Pertanto la invitava a seguire le indicazioni telefoniche al fine di risolvere la problematica.

    Con una tecnica di raggiro la donna veniva così indotta ad effettuare un bonifico di 1.050 euro, su un conto corrente risultato intestato al malvivente.

    Le immediate indagini dei carabinieri, mediante accertamenti bancari, hanno consentito di risalire all’autore della truffa. Il denunciato è un 24enne di Napoli.

    Sempre a Siena, un residente ha denunciato ai carabinieri di avere inserito su un sito on-line un annuncio di vendita di una moto per un prezzo da concordare.

    Contattato successivamente da un presunto acquirente interessato all’acquisto, veniva da questi invitato a recarsi ad uno sportello bancomat al fine di ricevere l’importo pattuito.

    In realtà, attraverso complesse istruzioni, la vittima è stata indotta in errore facendo un accredito di 250 euro sulla carta di credito intestata al truffatore. In questo secondo caso il denunciato è un 36enne originario di Parma.

    Una terza truffa, avvenuta con le medesime modalità, è stata consumata a Rosia ai danni di un residente che aveva messo in vendita dei mobili su un sito di compravendita on line.

    Contattato dal finto acquirente, sempre mediante la stessa tecnica di raggiro, è stato indotto dal truffatore ad effettuargli un bonifico di 540 euro.

    I carabinieri di Rosia hanno denunciato in questo caso un 58enne originario di Bari.

    Infine a Vagliagli, a cadere nella trappola è stata una donna che aveva pubblicato on line l’annuncio di vendita di un’auto utilitaria.

    Contattata da un sedicente commerciante del settore, veniva da questi ingannata e indotta a cedergli il veicolo senza effettuare volture, senza ricevere la somma pattuita nè rientrare in possesso dell’auto. Ad essere denunciato dai carabinieri della locale Stazione un 37enne di origine bulgare.

    I quattro truffatori individuati dai Carabinieri sono stati tutti denunciati in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...