lunedì 28 Settembre 2020
Altre aree

    10 milioni di euro di opere, più di 19 km quadrati di asfaltature. Publiacqua: “Ripartiamo Chianti!”

    "Una mole di interventi che prevede lavori fondamentali per l’acquedotto, ma anche per fognatura e depurazione"

    CHIANTI FIORENTINO – “Non ci siamo mai fermati. Anche in piena Fase 1 i nostri operatori hanno sempre presidiato il territorio, lavorando su reti ed impianti per garantire la continuità del servizio e portando avanti opere già avviate come ad esempio quelle della nuova adduttrice Calcinaia-Borromeo”.

    Publiacqua fa il punto della situazione sul territorio del Chianti fiorentino. Ed è un punto con prospettive importanti.

    “Oggi però – riprende il gestore del servizio idrico – è il momento di fare un passo in più, di ripartire e per questo fin dai primi di maggio. Publiacqua ha rimesso in moto la macchina dei suoi cantieri sul territorio dei 45 Comuni di cui l’azienda gestisce l’acquedotto. Una macchina da oltre 50 milioni di euro di cantieri in partenza, che si sommano a quelli già realizzati per oltre 30 milioni ed ai 10 che Publiacqua investirà nei prossimi mesi, e oltre 122 mila metri quadri di nuove asfaltature”.

    “Una mole di interventi – annunciato – che sul Chianti prevede lavori fondamentali per l’acquedotto ma anche per fognatura e depurazione. Lavori che stanno ripartendo con l’obbiettivo di migliorare costantemente il sistema acquedottistico locale ma anche di sostenere ed accompagnare la ripartenza anche economica di tutto il territorio”.

    Lavori su acquedotto e fognatura

    Sono opere da oltre 10 milioni di euro quelle che vanno a riprendere la loro corsa in questi giorni nel Chianti.

    Sono in fase di aggiudicazione e partiranno entro l’estate i lavori di costruzione del nuovo Depuratore di Ponterotto a San Casciano. Un’opera da 8 milioni di euro che fa bene all’ambiente e che contribuirà a mantenere la bellezza di un territorio tra i più affascinanti della Toscana.

    Dal punto di vista acquedottistico, sempre su San Casciano, sono poi in fase di ultimazione e si concluderanno entro il 2020 i lavori per la nuova adduttrice Calcinaia-Borromeo (1,2 milioni di euro).

    Su Barberino Tavarnelle, invece, iniziano la prossima settimana i lavori per la nuova tubazione che collegherà Sambuca al Morrocco. Un’opera che sarà ultimata in 8 mesi e che comporterà un investimento di 900 mila euro.

    Sono stati infine aggiudicati e quindi partiranno entro l’estate i lavori di sottoattraversamento della Greve che consentiranno il collegamento tra il campo pozzi di Greti e Greve in Chianti.

    Un’opera strategica per l’approvvigionamento idrico del Comune di Greve che comporterà un investimenti di 450 mila euro.

    Campagna di asfaltature

    Sul Chianti il piano di nuove asfaltature previsto per i prossimi giorni interessa il comune di Impruneta, dove, ad esempio, saranno realizzati tappeti nuovi su via Brunelleschi, via Imprunetana per Tavarnuzze, via Fornaci, via Don Minzoni e via Sorelle Alberti.

    Interventi saranno fatti però anche sul comune di Barberino Tavarnelle (via Spicciano, via Cassia, viale 1° Maggio), su San Casciano (via Galilei, via Decimo e via Fratelli Cervi e limitrofe), Greve in Chianti (via Mugnana, via Togliatti) e Bagno a Ripoli (ad esempio via Vicchio e Paterno).

    Per un totale, come anticipato sopra di oltre 19 mila metri quadri di nuovi asfalti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino