spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 18 Ottobre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    200 volontari de La Racchetta impegnati ad arginare il rischio incendi tra i boschi del Chianti

    Il bilancio degli interventi estivi ha fatto registrare 60 partenze di pattugliamenti per la prevenzione e la repressione degli incendi: 12 gli episodi di modesta entità verificatisi da aprile ad agosto 2021

    CHIANTI FIORENTINO –  Sono tutti volontari e in comune hanno la forte passione per la prevenzione e la tutela del territorio.

    I volontari dell’associazione La Racchetta, distribuiti nelle quattro sedi di San Casciano, Ferrone e Panzano, nel comune di Greve in Chianti, e Barberino Tavarnelle, dedicano il loro tempo libero allo sviluppo di un’attività fondamentale che mira alla tutela dei cittadini e del territorio.

    Sono circa 200 i soci complessivi, molti dei quali impegnati nell’antincendio boschivo, che intervengono senza sosta, si formano adeguatamente e operano per ridurre il rischio di incendi e arginare un fenomeno che aumenta con il caldo torrido e le temperature elevate.

    La stagione “calda”, ormai agli sgoccioli, ha richiesto un intervento costante da parte dei volontari della Racchetta.

    Si attestano complessivamente a 60 le partenze di pattugliamenti per la prevenzione e la repressione degli incendi che si sono rivelati di modesta entità e 12 sono stati gli episodi, verificatisi da aprile ad agosto 2021.

    “Per intervenire è fondamentale la tempestività, la concentrazione delle forze – dichiarano i responsabili delle sezioni – e la capacità di raggiungere il luogo dell’incendio con mezzi agili”.

    “I venti mezzi in dotazione alla Racchetta – riprendobno – come veicoli pronto intervento, sono forniti di un modulo antincendio che comprende 400 litri di acqua, una pompa che butta acqua ad alta pressione ad un naspo, sistema di estinzione degli incendi che utilizza tubazioni semi-rigide montate su una bobina, che consente di arrivare alle fiamme molto vicino e in tempi rapidi”. 

    Ciascuna delle quattro sedi chiantigiane è provvista di telecamere e pannelli, attraverso i quali i volontari, dai punti più alti, monitorano e controllano l’insorgere di incendi in varie aree del territorio e nelle zone limitrofe.

    La Racchetta è un’associazione di volontariato attiva nel settore antincendi boschivi, protezione civile e servizi di pubblica utilità.

    I loro mezzi verdi e le tute arancio sono sempre presenti in tantissime occasioni: allagamenti, crollo di alberi, frane… .

    L’associazione vive e opera con l’aiuto dei soci volontari e sostenitori, grazie al contributo della Regione Toscana e delle amministrazioni comunali che annualmente stipulano delle convenzioni forfettarie per l’intervento della Racchetta a difesa del territorio.

    I soci della Racchetta operano a titolo totalmente gratuito. Le basi operative dell’associazione continuano a vivere come luoghi di ritrovo e spazi per l’aggregazione sociale.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...