spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il popolare giornalista Rai scompare alla vigilia della finale di Coppa Italia contro il Napoli

    FIRENZE – Piange anche tutto il Chianti in viola: se ne va una firma storica del giornalismo sportivo (e non solo) fiorentino.

     

    Un uomo che raccontò all'Italia e al mondo l'alluvione di Firenze, diventando la voce del dramma di un'intera città in quei drammatici giorni del novembre del 1966.

     

    Oggi, venerdì 2 maggio, alla vigilia della finale di Coppa Italia della "sua" Fiorentina contro il Napoli, scompare Marcello Giannini.

     

    Aveva 87 anni ma fino all'ultimo ha fatto il suo mestiere, quello di cronista e giornalista: negli ultimi tempi infatti la sua voce, roca e inconfondibile, la si poteva ascoltare sulle frequenze di Lady Radio.

     

    Con quel garbo di altri tempi, quello stile che oggi, nel mondo del giornalismo gridato, urlato, non si trova davvero quasi più.

     

    Se ne ve quindi un'altra delle figure di quello storico Novantesimo Minuto firmato da Paolo Valenti: dei Giorgio Bubba da Genova, dei Luigi Necco da Napoli, dei Gianni Vasino da Milano, dei Carlo Nesti da Torino, dei Tonino Carino da Ascoli.

     

    E dei Marcello Giannini… da Firenze.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...