spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nel giardino dell’Istituto Comprensivo: Verdolino, Fogliolino e Soldatino

    Salvaguardare il patrimonio degli alberi, polmone verde della Terra, e sensibilizzare i più giovani al rispetto della natura e alla difesa del territorio: sono gli obiettivi della Giornata della Primavera e dell'Albero, che l'associazione "Fare Ambiente" ha promosso oggi in tutta Italia col patrocinio del Ministero dell'Ambiente.

     

    A Firenze, la giornata è stata celebrata dagli studenti dell’Istituto comprensivo Galluzzo, in collaborazione con il Comune e il Corpo forestale dello Stato, con la messa a dimora di tre piante di leccio. Alla presenza dell’assessore all’Ambiente Caterina Biti e della vicepresidente del Quartiere 3 Cristina Giani, col favore di una splendida giornata di sole, nel giardino della scuola sono stati piantati i tre alberi, a cui 180 bambini e bambine della Scuola dell’infanzia e primaria, con una votazione, avevano attribuito dei nomi propri (Verdolino, Fogliolino e Soldatino): a significare l’intento di personificare l’albero e riconoscerlo come "amico".

     

    Inoltre, i forestali del Comando provinciale di Firenze e dell’Ufficio territoriale per la Biodiversità di Vallombrosa hanno intrattenuto i piccoli alunni per sensibilizzarli all’importanza del bosco e del patrimonio arboreo urbano; a ciascun partecipante è stata regalata una piantina di corbezzolo, sia per il suo valore simbolico data la presenza contemporanea dei tre colori della bandiera italiana, sia per la volontà di trasferire nei bambini l’importanza del “prendersi cura” personalmente della natura.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua