spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 20 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ancora un enorme dolore: Andrea Carrai, morto all’Elba, lavorava da 11 anni nel nostro territorio

    Aveva 31 anni, è stato colto da malore mentre era in acqua. Lavorava Alla R.F.M., storica azienda metalmeccanica, prima a San Casciano, oggi alla Sambuca

    CHIANTI FIORENTINO – Sono giorni terribili per San Casciano. Un comune colpito da una serie di lutti improvvisi e oltremodo dolorosi.

    Ieri la notizia della morte di Andrea Carrai, 31 anni, di Lastra a Signa, morto durante un bagno nelle acque dell’Isola d’Elba.

    Stava facendo il bagno, insieme agli amici, nella zona di Coltano. Si è sentito male, inutili i soccorsi.

    Grande tifoso della Fiorentina, i cui tifosi gli hanno reso omaggio con uno striscione.

    Frequentava anche alcuni coetanei sancascianesi. Perché a San Casciano, undici anni fa, era venuto a lavorare.

    Lavorava infatti alla R.F.M. srl, storica azienda metalmeccanica nata e cresciuta nella zona artigianale del Bardella, nel capoluogo.

    Lì era stato assunto subito dopo il diploma: “Era un ragazzo speciale” dicono dall’azienda, che dal 2019 ha cambiato sede e opera nella zona industriale della Sambuca.

    “Ha iniziato con noi come operatore al laser – ricordano – poi è passato come operatore al water jet e laser tubi”.

    “Tutti i nostri dipendenti sono ragazzi giovani – concludono – E’ un grande dolore, oltre che una grande perdita, per tutti noi”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...