spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tantissimi gli artigiani del territorio protagonisti dei “corti”: ecco chi sono

    CHIANTI – I "Mestieri del Chianti" in anteprima con Slow Movie Contest al Cinema Odeon di Firenze.

     

    Andrea Biagini, Anna Brancaccio, Marco Borgianni, Alessio Manetti, Giovanna De Marchi (Barberino Val D'Elsa), La tenuta Mazzei (Castellina in Chianti), Fabio Zacchei, Domenico Di Cocco (Castelnuovo Berardenga), Olivier Fernandez (Gaiole in Chianti),   Franco Bozzi, la Fonderia Del Giudice, il Podere Le Fornaci (Greve in Chianti), Nora Kravis, Silvia e Davide Matassini (Radda in Chianti), Angelo Verdiani "Il simile", Carlo Chiti, Omero Soffici, Simone Sani, Giacomo Capperi (San Casciano), Lea Bilanci (Tavarnelle): sono loro i protagonisti dei cortometraggi di Slow Movie Contest., girati negli otto comuni del Chianti quest'estate da otto giovani registi.

     

    Li si potrà vedere sul grande schermo stasera al Cinema Odeon di Firenze, alle 20.30, durante l'anteprima dei corti, che si concluderà con la premiazione alla Miglior Regia, Miglior Fotografia e Migliore Sceneggiatura.

     

    In giuria, il giornalista e scrittore Claudio Carabba, il drammaturgo,sceneggiatore e regista Ugo Chiti, e il giornalista britannico Lee Marshall (critico cinematografico di Screen International e collaboratore di altre testate italiane e estere, da Internazionale al Daily Telegraph…).

     

    Altro ospite speciale della serata sarà Silvano (in arte Nano) Campeggi, il pittore fiorentino che ha firmato, dall'immediato dopoguerra alla fine degli anni '60, gran parte dei manifesti del cinema internazionale, e che premierà la migliore Locandina.     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...