spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il limite massimo di contributo passa da 12.350 a 16.000 euro/ettaro

    CHIANTI – Aumentano gli aiuti per la ristrutturazione e riconversione dei vigneti. La Commissione Politiche Agricole della Conferenza Unificata delle Regioni e Province autonome ha dato infatti via libera alla bozza di decreto ministeriale che prevede l'innalzamento dei contributi della misura ristrutturazione e riconversione dei vigneti.

     

    Per questa misura, prevista dall'OCM vino, il limite massimo di contributo passa così da 12.350 €/ettaro attuali a 16.000 €/ettaro, ai quali si aggiungono 3.000 €/ettaro per il mancato reddito nel caso di estirpazione anticipata del vigneto che verrà poi reimpiantato.

     

    Soddisfatto l'assessore all'agricoltura della Regione, Gianni Salvadori: "E' un provvedimento che la Toscana ha fortemente voluto – sottolinea – sia per l'interesse che questa misura ha incontrato presso i nostri viticoltori, sia per contribuire in modo più adeguato agli alti costi di reimpianto dei vigneti che normalmente si registrano nella maggior parte dei territori toscani visto che la norma comunitaria consente di contribuire nel limite massimo del 50% dei costi sostenuti dagli agricoltori".

     

    "Grazie al nostro impegno siamo riusciti ad elevare l'aiuto dai 9.500 euro all'ettaro di qualche anno fa, ai 12 mila 350 e ora andiamo a 16 mila euro per ettaro" dice soddisfatto.

     

    "Grazie a questa misura – conclude Salvadori – oltre 1/3 dei nostri 60 mila ettari di patrimonio viticolo è stato ristrutturato e riconvertito al fine di migliorare sia la produzione che l'inserimento di tali impianti nell'ambiente".

     

    Per la prossima campagna viticola le risorse finanziarie disponibili ammontano a 16,7 milioni di euro.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...