giovedì 16 Luglio 2020
Altre aree

    Buoni spesa. I Comuni hanno accolto oltre 600 domande per sostenere le famiglie

    I Comuni di Barberino Tavarnelle, Greve e San Casciano hanno utilizzato risorse statali per circa 200mila euro

    CHIANTI FIORENTINO – Continua a salire nel Chianti la curva del bisogno al tempo del Coronavirus, documentata dalle numerose famiglie che hanno richiesto l’accesso ai buoni spesa, i contributi economici destinati al sostegno di situazioni di fragilità economica e sociale.

    l Comuni di Barberino Tavarnelle, Greve in Chianti e San Casciano hanno rilevato, dall’attivazione della misura del governo, oltre 1.000 domande avanzate dai cittadini residenti nei tre territori.

    Mettendo in campo le risorse assegnate, in base alle norme del DPCM del 28 marzo 2020, le amministrazioni comunali hanno provveduto ad accoglierne fino a questo momento oltre 600.

    Alcune domande infatti pervenute agli uffici servizi sociali sono state ritenute non valide in quanto presentate più volte o non contenenti i requisiti necessari.

    “Grazie al personale dell’Unione comunale del Chianti Fiorentino – dichiarano gli assessori alle politiche sociali Elisabetta Masti, Ilary Scarpelli, Giacomo Trentanovi – che ha lavorato costantemente in rete con un piano di azione condiviso rispetto all’attività di erogazione e di consegna dei buoni spesa, le richieste di accesso ai buoni spesa sono state esaminate con grande attenzione: molte sono state accolte, altre respinte perché presentate in modo reiterato prive dei dati richiesti. Altre ancora sono state sospese per le integrazioni mancanti, gli uffici sono ancora intenti a esaminare le domande, sebbene ne siano rimaste poche da portare a compimento”.

    Complessivamente le amministrazioni comunali hanno utilizzato risorse statali per circa 200mila euro.

    A seguito delle norme relative al “Buono spesa”, contenute nel DPCM del 28 marzo 2020, i Comuni hanno organizzato in maniera condivisa e coordinata l’attività di supporto alle famiglie in difficoltà nell’ambito della solidarietà alimentare.

    La campagna diffusa dall’Unione del Chianti con il messaggio “La spesa che non ti lascia solo” ha offerto un contributo concreto a coloro che sono stati colpiti dall’emergenza del Coronavirus dal punto di vista economico e sociale, affiancando a tale misura ad altri interventi realizzati insieme alle associazioni di volontariato e alle comunità per il sostegno orientato ai bisogni dei più deboli.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...