spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Intervento del direttore Fabio Fanfani: “Siamo totalmente estranei a tutto”

    GALLUZZO – Riceviamo e pubblichiamo.

     

    "Il dottor Fabio Fanfani, in qualità di Direttore Salitario della Clinica Veterinaria Certosa, a chiarimento e rettifica delle notizie apparse su diversi quotidiani locali, in ordine al coinvolgimento di personale sanitario della propria clicina, nelle indagini relativa ad un traffico illecito di animali da compagnia ed al maltrattamento di animali, desidera precisare quanto segue.

     

    La Clinica Veterinaria "Certosa" è stata oggetto di perquisizione da parte ddella Polizia Giudiziaria su ordine della Procura di Padova, che disponeva la perquisizione di tutti i luoghi nella disponibilità della propria collaboratrice.

     

    All'esito della perquisizione, estesa anche all'abitazione della propria collaboratrice, è emerso che nessun coinvolgimento nell'indagine, può essere imputato alla Clinica Veterinaria Certosané ad alcuno dei collaboratori.

     

    La Clinica è totalmente estranea a qualsiasi coinvolgimento in importazioni illecite o maltrattamento di animali, e confida in una rapida chiusura delle indagini della Procura di Padova, affinché emerga la totale estraneità ai fatti anche dei propri collaboratori.

     

    La Clinica si riserva di agire in tutte le sedi necessarie, civili e penali, in risposta alla campagna di stampa denigratoria e diffamatoria del buon nome della Clinica stessa e della propria collaboratrice, indirettamente alimentata da reiterate precisazionie comunicati stampa di Cliniche concorrenti".

     

    Fabio Fanfani

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...