spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Abolita la tassa sui fabbricati agricoli. La soddisfazione del presidente regionale Marcelli

    "Una scelta responsabile che riconosce il ruolo ambientale, sociale e culturale della nostra  agricoltura che contribuisce a produrre quei beni comuni che il mercato non remunera".

     

    E’ il commento di Coldiretti Toscana alla decisione del Governo sull’Imu agricola (abolita la tassa per i fabbricati agricoli) "che avrebbe comportato – spiegato – un insostenibile onere di circa 700 milioni di euro alle imprese agricole per il 2013".

     

    "Il Governo – ha sottolineato il presidente regionale Coldiretti, Tulio Marcelli – nonostante le oggettive difficoltà che vive il Paese, ha mantenuto dunque l’impegno assunto con determinazione dal Ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo nel patto per l’agricoltura sottoscritto davanti ai 15mila agricoltori presenti all’Assemblea della Coldiretti lo scorso luglio, dimostrando di credere nell’agricoltura quale perno per una nuova stagione di crescita sostenibile del Paese”.

     

    Il gettito 2012 dell’Imu agricola è stato di 692 milioni di euro, di cui 628 per i terreni e 64 per i fabbricati strumentali. L’Imu agricola è stata pagata da circa 3 milioni di contribuenti, di cui 600mila agricoltori professionali (aziende agricole) secondo i dati divulgati dal ministero delle Politiche Agricole e Forestali.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...