spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Obbiettivo, quello di sostenere formazione e ricerca. Con un occhio anche al turismo

    È stato firmato nei giorni scorsi da Andrea Barducci e Giampiero Maracchi l’accordo tra l’OMA (Osservatorio dei Mestieri d’Arte) e la Provincia di Firenze che prevede la nascita di una commissione congiunta di cinque membri per lo sviluppo dell’artigianato artistico attraverso la formazione e la ricerca, finalizzato alla valorizzazione ed anche allo sviluppo integrato con il turismo di qualità.
     

    “La Provincia di Firenze – ha sottolineato il presidente Andrea Barducci – è da sempre impegnata nella ricerca di nuove vie per rilanciare l’occupazione attraverso quelle che sono attività del Dna del nostro territorio".

     

    "Una missione – ha proseguito Barducci – che passa attraverso competenze provinciali come la formazione professionale o l’orientamento scolastico e professionale verso il lavoro. La Provincia di Firenze ha avuto verso l’artigianato artistico un’attenzione particolare, come confermato, ad esempio, con la recente mostra dei busti della collezione Riccardi restaurati da giovani restauratori formati con corsi della Provincia, o con strumenti come la carta ILA”.
     

    “Noi con l’OMA – spiega Giampiero Maracchi, presidente dell’Osservatorio dei Mestieri d’Arte – ci stiamo impegnando da vari anni, e da tempo già con la Provincia, sulla formazione dei giovani nel campo dell’artigianato artistico. Questo avviene sia con corsi di formazione che con apprendistati che si svolgono nelle aziende artigiane, grazie a borse di studio, o meglio, borse di lavoro, cofinanziate dall’Ente Cassa di Risparmio di Firenze e dai fondi dell’Unione Europea”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...