spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Si cerca un coordinatore scientifico per i musei del Chianti e del Valdarno

    Per candidarsi c'è tempo fino al 27 gennaio. L'incarico avrà durata triennale. Come fare domanda

    CHIANTI FIORENTINO – Il sistema museale territoriale del Chianti e del Valdarno fiorentino cerca un coordinatore scientifico. C'è tempo fino al 27 gennaio per candidarsi alla selezione.

     

    Nel bando si richiede una laurea in Conservazione dei beni culturali o in Lettere e "comprovata competenza in materia di studi, consulenze e progetti complessi per la gestione e valorizzazione di beni e attività culturali, preferibilmente riguardo ai Sistemi museali".

     

    Il professionista incaricato lavorerà "in modo flessibile e autonomo". L'incarico avrà durata di tre anni e il compenso è proporzionato al finanziamento che arriva dalla Regione. Per il 2016 è stato di 12 mila euro lordi.

     

    Il Sistema Museale Territoriale del Chianti e del Valdarno Fiorentino comprende i musei dei Comuni di Greve in Chianti, Impruneta, San Casciano, Tavarnelle, Bagno a Ripoli, Rignano sull'Arno, Reggello, Figline Incisa Valdarno, Unione comunale del Chianti Fiorentino).

     

    Info sul bando e moduli: scarica qui.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...