spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sono destinati a chi vuol migliorare le proprie competenze nel settore: come iscriversi

    CHIANTI FIORENTINO – L’assessorato alle politiche sociali della Provincia di Firenze, in collaborazione con l’Istituto Tecnico Agrario di Firenze, organizza dei laboratori aperti ai giovani diplomati dai 18 ai 35 anni che vogliono fare esperienze utili per il lavoro autonomo o l'attività d'impresa in agricoltura.

     

    I laboratori, che si terranno nei prossimi mesi di ottobre e novembre, sono gratuiti e interamente finanziati dalla Provincia di Firenze con fondi del progetto “#occUPI” 2012, dell’Unione delle Province Toscane (UPI Toscana) in partenariato con le Province stesse.

     

    L’obiettivo dei laboratori è quello di sfruttare appieno il sapere tecnico-scientifico, le conoscenze pratiche e l’esperienza dei docenti dell’Istituto Agrario per fornire ai giovani che vogliono migliorare la loro condizione lavorativa oppure progettare percorsi autonomi di lavoro o d’impresa delle occasioni di informazione tecnico-pratica, esperienza diretta presso le strutture aziendali dell’Istituto Agrario, acquisizione di nozioni e stimoli per lo sviluppo delle proprie capacità imprenditoriali.

     

    Le iscrizioni sono aperte fino al 27 agostoL. e domande verranno esaminate dai docenti dell’Istituto Agrario, che assegneranno un punteggio che terrà conto dei titoli di studio, della formazione professionale acquisita e delle esperienze lavorative significative.

     

    Per le informazioni tutti i numeri di telefono e le email sono nell'immagine in alto.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...