giovedì 21 Gennaio 2021
Altre aree

    Covid-19 e imprese, CNA Chianti Fiorentino fa il punto: “Il sistema tiene, ma va supportato meglio”

    Parla il presidente Aldemaro Becattini: "Ristori per tutti, in base alla perdita di fatturato. La spada di Damocle del turismo: si proroghi il Bonus Vacanze"

    CHIANTI FIORENTINO – “Con 6.981 imprese attive, il sistema economico del Chianti fiorentino continua a tenere, seppure in un anno abbia perso quasi l’1% delle proprie aziende. A “confortare” è infatti la voglia di fare imprese che, nonostante tutto, continua: +6% di nuove iscrizioni al registro imprese nel terzo trimestre del 2020 rispetto all’analogo periodo del 2019”.

    CNA Chianti Fiorentino fa la sua analisi di un sistema economico che sta faticosamente tenendo botta ma che, secondo l’associazione, “non è supportato a dovere”.

    “Per esempio dal sistema di aiuti basato sui codici Ateco che esclude troppe imprese – commenta Aldemaro Becattini, presidente di CNA Chianti Fiorentino – Siamo riusciti a far inserire categorie inizialmente escluse, come lavanderie industriali, fotografi, pizzerie a taglio, rosticcerie, ma tante ne mancano ancora: tintolavanderie non industriali, le imprese operanti nel trasporto merci, specie quello legato al settore della ristorazione, l’artigianato artistico”.

    “Stiamo lavorando per risolvere questa stortura – annuncia – fermo restando che ciò che chiediamo è la concessione di aiuti nella forma di contributi a fondo perduto da concedersi, per ogni impresa, in base alla diminuzione di fatturato”.

    Per un territorio vocato al turismo come il Chianti, l’interruzione dei flussi stranieri ha già causato pesanti ripercussioni economiche, destinate ad acuirsi in futuro.

    “Una possibile soluzione – è la posizione dell’associazione – già adottata in estate, è quella di rivolgere l’offerta al turismo italiano”.

    Pertanto CNA chiede “la proroga del Bonus Vacanze, in scadenza a fine anno, ma da molti ancora inutilizzato e, quel che è peggio, inutilizzabile almeno nel breve-medio periodo per la condizione sanitaria del paese e il rinnovo della misura anche per il 2021”.

    Becattini chiede anche “aiuti per gli affitti da giugno a dicembre, proporzionati alla diminuzione di fatturato; stop agli acconti di fine novembre per il 2021; tassazione per cassa”.

    “A gennaio – prosegue il presidente degli artigiani del Chianti Fiorentino – scadranno le moratorie sui mutui. Non occorre rinviare la scadenza, ma che Governo, ABI e Consorzi Fidi si coordino per definire l’unica azione utile alle imprese: la rinegoziazione di tutti i mutui per diminuire (in base alla diminuzione di fatturato registrata ed attesa da ogni impresa) la rata mensile, allungando la vita del mutuo, senza spese ulteriori e a bassi interessi”.

    Infine, ma non ultima, “la disponibilità mensile nelle casse di Ebret dei denari necessari per pagare la cassa integrazione artigiana. Inaccettabile che quella per i mesi di luglio, agosto, settembre e parte di ottobre arrivi solo al termine di questa settimana” conclude Becattini.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...