sabato 26 Settembre 2020
Altre aree

    Cras Semia, giorni febbrili: fra il via ai lavori e le prenotazioni al super pranzo annuale

    Domenica 16 giugno al ristorante (vegan) di Montespertoli La Fonte, tutti a tavola per sostenerne le attività

    CHIANTI FIORENTINO – Sono giorni febbrili al Cras (Centro recupero animali selvatici) Semia di Montespertoli, punto di riferimento anche per tutti i comuni del Chianti fiorentino.

     

    Il Centro di recupero Semia di Montespertoli nasce nel 2015 come associazione, ma lavora dal 2010 su richiesta ed incarico di ex Provincia di Firenze e poi Usl Toscana Centro.

     

    Dalla struttura passano ogni anno circa 600/900 animali selvatici da curare, che vengono riabilitati e per la maggior parte reimmessi in ambiente naturale. Gli animali sono vittime di incidenti stradali, incidenti domestici, caccia e avvelenamenti.

     

    Primo. Partono i lavori tanto attesi: "Carissimi tutti – annuncia il Centro, diretto dalla dottoressa veterinaria Donatella Gelli – finalmente dopo anni di sacrifici e lavoro, di cammino, sostenuti da persone fantastiche stiamo per iniziare i lavori destinati alle degenze".

     

    "Ora – dicono soddisfatti – è il tempo degli… angeli con l'escavatore. E sono angeli ingombranti che intorno non vogliono nessuno. Per ora sospendiamo i turni di volontariato. Rifaremo appelli appena finito il piazzale".

     

    Molte delle strutture esistenti necessitano infatti di essere ristrutturate e altre dovranno essere costruite, per le degenze e per chi non sarà in grado di tornare in natura.

     

    Secondo. Prenotazioni aperte per il grande pranzo di finanziamento, domenica 16 giugno al ristorante La Fonte (vegano, utilizza solo materie prime di qualità e tutte biologiche certificate) di Montespertoli.

     

    I fondi raccolti con questo pranzo verranno utilizzati per coprire le ingenti spese per l'acquisto del materiale edile necessario ai lavori (sabbia, mattonelle, pali, vernici, reti, attrezzi).

     

    Prima del pranzo verranno proiettate foto e video degli ospiti del Centro, e sarà presente la dottoressa Gelli che insegnerà a conoscerli.

     

    Il menù prevede: Hummus di ceci, barbabietole allo yogurt relish, crema di melanzane e sesamo, con crostini di pane al sesamo e semi di papavero; Insalata di verza con scalogno speziato; Insalata di verdure di mare; Insalata di legumi alla rucola; Farro con verdure; Minestra di pane; Riso basmati pilaf alla menta; Carpaccio di seitan con pesto di zucca; Crema di castagne con panna.

     

    Prezzo 20 euro a persona con acqua, thè e tisane incluse, vino un euro al bicchiere. Prenotazioni al numero 3356954467 entro il 14 giugno.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino