spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Elicottero a quote bassissime, “mistero” svelato: sta facendo ricognizione per Enel

    Al lavoro sul Chianti fiorentino per monitorare le linee aeree, per chiudere un monitoraggio iniziato nel 2015

    CHIANTI FIORENTINO – Una telefonata ad Enac, una a Enel e… “mistero” svelato. L’elicottero che da ieri volteggia sul territorio chiantigiano anche a bassissime quote, che ha creato allarme in alcuni cittadini (sia per il colore simile a quello del Pegaso sia per le quote molto basse a cui vola) sta effettuando una ricognizione del territorio per conto di Enel.

    VIDEO / Elicottero (giallo) in volo da ieri a quote bassissime. Non è un Pegaso

    “Stanno facendo il controllo delle linee elettriche – ci dicono dalla torre di controllo di Firenze – per conto di Enel, è tutto autorizzato”.

    Sulle quote di volo molto basse, bassissime, la risposta è questa: “Devono controllare a bassa quota, è come quando fanno i controlli sui metanodotti”.

    Anche da Enel confermano tutto: “Si sta finendo un lavoro iniziato nel 2015, erano rimaste alcune linee aree da finire, nell’aretino e nella provincia di Firenze, proprio nel Chianti”.

    # ARTICOLO / Linee elettriche di media tensione nel Chianti: Enel le controlla con l’elicottero

    Magari, è la riflessione di alcune amministrazoni comunali, anch’esse sollecitate da cittadini preoccupati, sarebbe meglio avvertire quando ci sono queste attività.

    Tanto che il Comune di San Casciano sta predisponendo una lettera sulla questione, che invierà sia ad Enac che ad Enel.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...