spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fattoria San Michele a Torri: sabato 21 ottobre “San Michele in festa”. Porte aperte tutto il giorno

    Una giornata ricca di gioia e sapori autunnali per grandi e piccini: visite in cantina, degustazione prodotti, musica, artigiani, pranzo della vendemmia. E poi animali, orto bio...

    SAN MICHELE A TORRI (SCANDICCI) – In una posizione meravigliosa, sulle dolci colline di Scandicci che si affacciano sulla Val di Pesa, sorge la villa di San Michele a Torri.

    L’antica fattoria oggi è divenuta una delle più importanti aziende agricole del territorio la cui filosofia è il rispetto della natura e l’attenzione all’impatto ambientale su tutto il territorio circostante.

    Da qui la scelta già dal 1993 di trasformare la coltivazione e la produzione in biologica certificata, di realizzare un impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica e una centrale a biomassa, che soddisfano entrambe il fabbisogno dell’azienda.

    Sabato 21 ottobre, la Fattoria San Michele a Torri, con Itinera 2023, la Pro Loco di San Vincenzo a Torri e il Comune di Scandicci, aprirà le proprie porte per far conoscere i propri prodotti biologici e la propria realtà a grandi e piccini.

    Per i piccini alle 10, alle 12.30 e alle 15 è previsto un bellissimo e divertente tour della fattoria.

    I bambini verranno coinvolti in una camminata nei vigneti e nelle olivete e poi alla scoperta degli animali dell’azienda, tra cui le galline, le pecore, la Cinta Senese e i ciuchini “Henry e Jolanda e la loro bimba Mary”.

    Sono, inoltre, previste attività nell’orto biologico dove i bambini potranno cimentarsi nella piantagione degli ortaggi di stagione.

    L’azienda sarà aperta tutto il giorno e oltre a poter degustare vini e olio extravergine biologici, sarà possibile anche pranzare nel nostro ristorante agrituristico “L’Unico”.

    Dalle 14 i rapaci dei Falconieri del Re con, alle ore 16, dimostrazione didattica con volo in libertà!!!

    Alle 15 un appuntamento speciale con una degustazione della nostra nuova Chianti Classico Gran Selezione 2019 (prenotazione obbligatoria, costo 20 euro per persona).

    Maurizio Zanolla, Sommelier dal 1998, primo sommelier di Toscana nel 2005, guiderà la degustazione.

    Nei grandi spazi della fattoria saranno allestiti stand dedicati all’artigianato locale con mostre di prodotti e dimostrazioni degli antichi mestieri della tradizione locale: impagliatori, falegnami, intagliatori, restauratori, pittori di mobili, corniciai, ceramisti, ricamatrici….

    Potrete trovare, tra i tanti presenti, anche Emilio Nesi e Omero Soffici, conosciuti e apprezzati artigiani del nostro territorio chiantigiano.

    Dalle 14 arriva anche la musica tradizionale contadina con le antiche e rivisitate canzoni del gruppo musicale “Quarto Podere”, che divertirà e accompagnerà le persone in questa visita.

    In questo periodo autunnale, non potrà mancare uno spazio dedicato anche alle castagne.

    Sabato 21 ottobre dunque un evento davvero eccezionale e sicuramente da non perdere per conoscere questa importante e suggestiva realtà locale che mette a disposizione i propri spazi e i propri prodotti per farsi conoscere e per far conoscere il nostro territorio, per come è oggi e per come era una volta.

    L’evento è gratuito. La Fattoria rimarrà aperta per tutto il giorno.

    Per i tour dei bambini, il pranzo nel nostro ristorante agrituristico “L’Unico” e per la degustazione dei vini Top è richiesta la prenotazione.


    Per informazioni e prenotazioni

    • Fattoria San Michele a Torri, via San Michele 36, Scandicci
    • Telefono; 055769111
    • Email: info@fattoriasanmichele.it
    • Ristorante “L’Unico” Via Canto alle Gracchie 16 – Scandicci
    • Telefono; 0550030301
    • Email: prenotazioni@ristorantelunico.it
    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...