spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 9 novembre al via le riprese del lungometraggio del regista chiantigiano Lorenzo Raveggi

    "La Dama e l'ermellino": ecco parte del cast che gli darà vita. Riprese anche a Strada in Chianti

    CHIANTI FIORENTINO – Il 9 novembre prossimo, nel contesto della suggestiva cornice del castello di Badia, a Poggibonsi (Siena), inizieranno le riprese del lungometraggio del regista chiantigiano Lorenzo Raveggi (in foto sopra), dal titolo “La dama e l’ermellino”.

     

    Uno storico fiabesco di sicuro fascino che condurrà lo spettatore in un idillio di armonie scenografiche letteralmente inebrianti.

     

    A dare sfoggio a tutto questo lavoro dell’autore e regista Raveggi che interpreterà, tra l’altro Leonardo da Vinci, e a magnificarne il pregio, il famoso e bravissimo attore Fabio Fulco (Alfonso II d’ Aragona) già noto al grande pubblico, la splendida Caren Caiazzo (Beatrice D’ Este) e la strepitosa bellezza di Jasmine Carrisi, nel ruolo della grande Isabella D’ Aragona.

     

    A completare il suggestivo progetto un cast di elevato spessore e altre bellissime location
    come “Villa Il Leccio” a Strada in Chianti.

     

    DA SINISTRA – Caren Caiazzo, Fabio Fulco, Jasmine Carrisi

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...