spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    FOTO / Dalla Sambuca alla Botte: il ritorno dell’acqua lungo il corso della Pesa

    Per quanto riguarda il nostro territorio, è in particolare nel tratto dal Calzaiolo a La Botte che il deflusso è maggiore. Anche per l'apporto della Terzona

    CHIANTI FIORENTINO – Al di là dei danni, pesantissimi, in particolare nel comune di Bagno a Ripoli, il violento nubifragio di Ferragosto ha riportato anche l’acqua lungo il corso dei nostri torrenti.

    In secca da mesi la Pesa, la Greve, l’Ema, l’Elsa, hanno visto tornare il deflusso dell’acqua.

    Abbiamo percorso la Pesa dal centro della Sambuca, dal ponte romano, fino a un luogo “iconico” per i frequentatori del torrente, la pescaia de La Botte.

    E, come vedete dal “foto racconto”, l’acqua (ovviamente limacciosa) scorre ovunque.

    E scorre anche più a valle, dove non siamo arrivati a documentare, al Ponte Rotto, Cerbaia, fino a Montelupo Fiorentino.

    Per quanto riguarda il nostro territorio, è in particolare nel tratto dal Calzaiolo a La Botte che il deflusso è maggiore.

    Questo, perché sul versante di Montefiridolfi la tempesta di acqua ha “battuto” forte. Andando a far defluire l’acqua anche nella Terzona.

    Che proprio al Calzaiolo si immette nella Pesa.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...