spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il 7 e l’8 maggio la grande raccolta di abiti e biancheria usata di Operazione Mato Grosso

    Ma anche materiale elettrico, biciclette vecchie (anche rotte). Ecco quali saranno i paesi interessati dal passaggio dei volontari dell'associazione

    CHIANTI FIORENTINO – Come ogni anni gli operatori di Operazione Mato Grosso passeranno casa per casa raccogliendo vestiti usati (abiti, scarpe, lenzuola, borse, vestiti per bambini …) materiale elettrico, biciclette vecchie (anche rotte).

    I paesi coinvolti sono: Greve in Chianti, Impruneta, e Strada in Chianti sabato 7 maggio. Domenica 8 maggio Galluzzo e Tavarnuzze.

    Montespertoli, San Quirico, San Pancrazio, Baccaiano, Montagnana e Fiano sabato 7 e domenica 8 maggio.

    San Casciano, Cerbaia, Chiesanuova, La Romola entro metà maggio 2022.

    La raccolta è svolta con i ragazzi del paese, tra i 15 e i 30 anni, che nel loro tempo libero s’incontrano per raccogliere fondi a sostegno delle missioni negli stati del Brasile, Ecuador, Bolivia, Perù.

    Per sostenere le missioni, i giovani di Mato Grosso si rendono disponibili anche a svolgere lavori di giardinaggio, imbiancatura, traslochi, sgomberi, verniciatura di persiane, ringhiere, pulizie e trattamenti per pavimenti in cotto.

    Tutto questo viene svolto nonostante i momenti difficili che stiamo attraversando, per senso di responsabilità e appartenenza.

    Ai Paesi e alle persone che da anni gli sostengono, e per continuare a coinvolgere i ragazzi più giovani e aiutare i più poveri nelle missioni in America Latina.

    Che a causa della pandemia si sono ulteriormente impoveriti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...