spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sia a tempo determinato che indeterminato. Li mette a disposizione la Regione

    Un incontro per illustrare le opportunità che la Regione mette a disposizione delle aziende del settore pelletteria che assumono lavoratori in cassa integrazione o in mobilità è stato organizzato dall’assessore al lavoro Gianfranco Simoncini.

     

    All’incontro hanno partecipato il presidente della Provincia di Firenze Andrea Barduccci, il sindaco di Scandicci Simone Gheri, i rappresentanti delle organizzazioni di categoria Cna e Confartigianato.
     

    La Regione mette a disposizione di tutte le aziende toscane una “dote” che prevede un mix di incentivi fino a 8.000 euro per assunzioni a tempo indeterminato o determinato, full o part time, sgravi sull’imponibile Irap e inoltre voucher fino a 3.000 euro per la formazione.

     

    E c’è anche un bando che prevede incentivi per l’assunzione a tempo determinato di soggetti svantaggiati. In particolare, è stato ricordato che la Provincia di Firenze organizza per il settore corsi di formazione ai quale partecipano, fra gli altri, anche i lavoratori ex Isi.
     

    “Anche in relazione a queste iniziative – spiega Simoncini – la Regione ha chieste alle associazioni di impresa di impegnarsi a promuovere presso le aziende le modalità di accesso agli incentivi auspicando che, date le buone performances del settore della pelle, sia possibile, nonostante la fase ancora difficile, utilizzarli per incrementare l’occupazione qualificata e reperire le necessarie competenze sul mercato”.
     

    Le organizzazioni di categoria hanno riposto positivamente, assumendo l’impegno a far circolare le informazioni presso le imprese che potranno, se interessate, rivolgersi agli uffici regionali per ulteriori dettagli.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...