spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La mattina a San Casciano (Albini), la sera dopo cena a Tavarnelle (Martini)

    Lo slogan che le raccoglie tutte sotto lo stesso "ombrello" è quello che mira a portare il segretario nazionale del Partito democratico Pierluigi Bersani alla presidenza del Consiglio dei Ministri: "L'Italia Giusta".

     

    Sono molte le iniziative che in queste settimane stanno animando il Chianti, con un incessante passaggio di candidati al Parlamento dal nostro territorio. Sarà il caso di San Casciano nella mattina di lunedì 18 febbraio, quando arriverà la candidata alla Camera dei Deputati Tea Albini per parlare del programma del Pd.

     

    Si incontrerà con i cittadini nel Piazzone, nel corso del mercato settimanale, a partire dalle 10.30. Poi, dalle 12.30, alla casa del popolo con uno spuntino offerto a tutti i partecipanti. Ad affiancarla ci saranno il sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini e il segretario metropolitano del Pd Patrizio Mecacci. "Vorremmo che venissero in particolare molte donne": è l'auspicio degli organizzatori.

     

    Stesso slogan… altro paese. Alle 21.30, presso il circolo "La Rampa" di Tavarnelle, incontro con un altro candidato alla Camera dei Deputati, l'ex presidente della Regione Toscana Claudio Martini. Il tema del dibattito, coordinato dal giornalista Matteo Pucci, sarà "Enti locali e la riforma del paese.Le proposte di cambiamento per l'Italia Giusta".
     

    Oltre a Martini intervengono Sestilio Dirindelli (sindaco di Tavarnelle), Maurizio Semplici (sindaco Barberino Val D'Elsa), Massimiliano Pescini (sindaco di san Casciano).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...