spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La comunità chiantigiana dà il benvenuto ai bambini Saharawi, ospiti a Greve in Chianti

    I piccoli ambasciatori di pace accolti da alcune famiglie del territorio: coordina l'associazione Comitato Selma 2.0, presieduta da Sara Tozzi

    CHIANTI FIORENTINO – La vicinanza e il sostegno al popolo Saharawi hanno radici storiche nel Chianti fiorentino, grazie all’impegno di un’associazione (il Comitato Selma, oggi Comitato Selma 2.0), guidata per molti anni da Costanza Sanvitale e attualmente presieduta da Sara Tozzi.

    Che ha promosso e fondato il suo impegno, praticato costantemente, sui percorsi di solidarietà a favore di un popolo dilaniato dalla privazione di una terra dove risiedere in libertà e autonomia, costretto a vivere nei campi profughi del deserto algerino dell’Hammada.

    La rete di solidarietà continua a crescere e ad alimentarsi con l’accoglienza speciale che gli amministratori del Chianti fiorentino hanno riservato in veste ufficiale ai piccoli ambasciatori di pace provenienti dal Saharawi.

    Il sindaco e il vicesindaco di Greve in Chianti Paolo Sottani e Giulio Saturnini, e l’assessore alla cultura di San Casciano Maura Masini, hanno incontrato e dato il benvenuto ad una delegazione di bambine e bambini di età compresa tra i 7 e i 9 anni, accompagnata da due educatori, giunti a Greve in Chianti da alcuni giorni e ospitati nella struttura comunale di Villa San Michele in collaborazione con l’associazione Comitato Selma 2.0.

    “Incontrando la delegazione dei bambini Saharawi – dichiarano gli amministratori comunali – confermiamo il nostro sostegno e la nostra amicizia ad un popolo che vive da oltre 50 anni in esilio”.

    “L’iniziativa di conoscenza e accoglienza che portiamo avanti da anni – riprendono – attraverso il sostegno umanitario che l’associazione Comitato Selma 2.0 svolge in collaborazione con le amministrazioni comunali”.

    “E che – concludono – oltre a tendere una mano concreta alle famiglie Saharawi, vuole offrire un’occasione di sensibilizzazione e uno stimolo di riflessione alla nostra comunità, è importante tenere alta l’attenzione sul diritto all’autodeterminazione del Sahara occidentale”.

    I bambini saranno ospiti del Comitato Selma 2.0, realtà che ha all’attivo una decina di giovani volontari, fino alla fine del mese e trascorreranno gli ultimi giorni della loro permanenza in Toscana nelle case delle famiglie del territorio.

    “Vorrei esprimere un ringraziamento a tutto il tessuto associativo del Chianti fiorentino – aggiunge in conclusione Sara Tozzi – che si è messo a disposizione a vario titolo per l’organizzazione dell’accoglienza”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...