spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La ricerca del lavoro. La storia di Emanuela (Azzurra): “Ho diploma OSS. I colloqui, le offerte, la mancanza del Green Pass…”

    Primo contributo dei nostri lettori arrivato in seguito al nostro editoriale/appello per farci raccontare le vostre storie di ricerca lavoro/lavoratori

    In seguito alla pubblicazione del nostro editoriale nel quale vi chiedevamo di raccontarci le vostre storie di ricerca lavoro o di ricerca lavoratori, per cercare di capire meglio, insieme, quello che sta accadendo in questo periodo storico, ecco già arrivare il primo contributo.

    # La ricerca del lavoro e dei lavoratori: è il tempo dei paradossi. Cerchiamo di capirci qualcosa. Insieme

    Lo pubblichiamo qui di seguito, in forma integrale, su autorizzazione della diretta interessata.

    E vi invitiamo, nuovamente, a raccontarci le vostre esperienze: potete farlo inviando una mail a m.pucci@gazzettinodelchianti.it.

    Buongiorno, sono Emanuela per gli amici Azzurra (ho due nomi).

    Io sono una persona che cerca lavoro, ho un diploma di tecnico dei servizi sociali, ma senza laurea non posso esercitare la professione.

    Ho un attestato da OSS ma senza GP non posso lavorare.

    Leggo annunci, su vari gruppi Facebook o siti specifici alla ricerca di un lavoro ma o sono sottopagati o sei donna e quindi non vai bene o ancora fai colloqui e ti dicono: “Le faremo sapere” per poi svanire nel nulla.

    Oppure ti propongono un contratto da tirocinante con rimborso spese di 500 €, oppure la prima domanda che ti fanno è: “Hai esperienza?”.

    Ma come faccio esperienza se tutti cercano già esperti nel settore? A 38 anni la situazione comincia a diventare un tantino pesante.

    Ho mandato tanti curriculum ma ad oggi, un po’ per la questione pandemia, un po’ per la questione mancanza del GP, la situazione è completamente peggiorata.

    Io non sono una che si tira indietro soprattutto nel lavoro, provengo dal Sud dove il lavoro è solo in nero, dove se ti assicurano per una somma in busta ma alla fine ti danno di meno.

     

    Trasferendomi qui in provincia di Firenze pensavo che fosse diverso, o meglio è diverso, che un attestato valesse qualcosa.

    Ma, devo ripetermi, la pandemia ha reso il tutto molto più triste e difficile.

    Mi perdoni se sono stata molto lunga nel mio scritto, ma purtroppo è la realtà che sto riscontrando nel cercare lavoro.

    La ringrazio per la possibilità di condividere la mia esperienza. 

    Cordialmente saluto, Azzurra.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...