spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Chianti Classico Marathon: meno di un mese alla corsa, iscrizioni a “spron battuto”

    Il prossimo 5 giugno tre percorsi: 42km, 21 km e 11 km. Attraversando i luoghi più belli del Chianti fiorentino

    CHIANTI FIORENTINO – Procedono spedite le iscrizioni (online su www.chianticlassicomarathon.com) alla edizione “0” della Chianti Classico Marathon, che domenica 5 giugno (ritiro pettorali a partire da sabato 4, tutto il regolamento siu www.chianticlassicomarathon.com) si correrà nello splendido scenario del del Chianti fiorentino.

     

    Organizzata dalla Podistica Sancascianese, con il patrocinio dei Comuni di San Casciano, Tavarnelle, Barberino Val d’Elsa e Greve in Chianti, la partnership di Consorzio Vino Chianti Classico e ChiantiBanca, la corsa propone tre percorsi: Maratona (42 km, partenza da Mercatale), Mezza Maratona (21 km, partenza da Panzano in Chianti) e Short Trail (11 km, non competitiva, partenza da Badia a Passignano).

     

    Tutti e tre i percorsi (alle due partenze “extra Mercatale” i partecipanti potranno arrivare tramite il servizio navetta che partirà comunque dal paese) confluiranno comunque a un unico punto di arrivo: Mercatale appunto.

     

    La Chianti Classico Marathon ha infatti fatto rinascere la vecchia Maratona del Chianti, che aveva proprio in Mercatale il cuore pulsante.

     

    Una corsa, quella chiantigiana, che è soprattutto un “trail”: solo il 10% del percorso infatti si snoda su strada asfaltata. Il resto è composto da strade bianche, sentieri, tratti di bosco e di vigna.

     

    Una corsa che andrà a toccare punti paesaggisticamente straordinari: Badia a Passignano e il suo Monastero Vallombrosano; il Castello di Verrazzano che racchiude la storia del grande navigatore; le Cantine Antinori al Bargino, un mix di tecnica, magia e architettura; la Conca d’Oro di Panzano, una “terrazza” nella quale prendono vita produzioni vitivinicole di eccezionale qualità; il crinale che da Valigondoli porta a Mercatale, da cui si vede “mezza Toscana”.

     

    E ancora Montefioralle e il suo borgo medievale; le vigne in cui si produce il vino Tignanello affacciate sulla “grande bellezza”; Montefiridolfi, il crinale del Castello di Bibbione con la Tomba Etrusca dell’Arciere di Sant’Angel; la Pieve di Campoli immersa nella pace secolare degli olivi… . Un territorio di bellezza ineguagliabile, che accompagnerà la corsa e che riempirà, oltre ai polmoni, anche gli occhi.

     

    Una Maratona che, alla sua edizione “0”, si corre nell’anno in cui il Consorzio Vino Chianti Classico celebra i 300 anni della denominazione vitivinicola più antica del mondo: e nei pacchi gara non mancheranno le bottiglie di Chianti Classico.

     

    Questo il dettaglio dei pacchi gara.

     

    – CHIANTI CLASSICO MARATHON: ai primi 100 iscritti maglia tecnica realizzata per l’occasione dal Consorzio Chianti Classico (ai successivi maglia della manifestazione) + bottiglia di vino Chianti Classico + medaglia della manifestazione + Pasta party

     

    – MEZZA MARATONA: Maglia della manifestazione + bottiglia di vino Chianti Classico + medaglia della manifestazione + Pasta party

     

    – SHORT TRAIL: Maglia della manifestazione + bottiglia di vino Chianti Classico

     

    Punto di riferimento per la manifestazione, per iscrizioni, regolamento, notizie, spunti su dove dormire e dove mangiare (già presenti molte strutture, alcune delle quali hanno elaborato anche “pacchetti” speciali proprio in ottica-Maratona): www.chianticlassicomarathon.com. Informazioni: info@chianticlassicomarathon.com.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...