spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ecco i dati sulle vaccinazioni 2013 diffusi dal Centro di medicina dei viaggi della Asl

    È l’Africa la mèta preferita dai fiorentini che vanno a fare le vacanze all’estero. O meglio: di coloro che vanno a farle in luoghi dov’è indispensabile o consigliato vaccinarsi prima di partire. Nel numero, naturalmente, è compreso anche chi in quei posti deve andarci per lavoro, non solo per piacere.
     

    I dati, sostanzialmente costanti nel corso degli anni, sono quelli raccolti dal Centro di medicina dei viaggi e delle migrazioni dell’Azienda sanitaria di Firenze, diretto dalla dottoressa Maria Grazia Santini.
     

    Il 53% infatti dei 7.237 assistiti della Asl a cui nel corso del 2012 sono stati somministrati vaccini raccomandati per l’espatrio, era in partenza per il continente africano, principalmente alla volta della porzione orientale (soprattutto Kenya e Tanzania), seguito dall’Asia con il 31%, in particolare Thailandia e altri paesi del Sud est asiatico o del sub continente indiano. Il 10% ha scelto invece l’America sub tropicale e circa il 3 quella Centrale. Solo 13 persone si sono rivolte all’Ambulatorio prima di partire per l’Australia, la Nuova Zelanda o la Melanesia.
     

    Le vaccinazioni maggiormente eseguite sono quella contro l’epatite A (il 25% del totale), contro il tifo e la febbre gialla (entrambe al 16%). Quest’ultima è l’unica obbligatoria, senza la quale in alcuni paesi, come il Togo o il Benin, non si entra, e la si può fare solo all’ambulatorio di San Salvi. Sono inoltre stati eseguiti vaccini contro la difterite, il tetano, la pertosse, l’epatite B, contro il meningococco C e ACYW135, quelli antirabbica, antipolio, anti morbillo, parotite, rosolia, varicella, colera, o per prevenire l’encefalite giapponese o quella causata da zecche.
     

    Pochi ovviamente, meno di una quarantina, i viaggiatori che si sono rivolti agli ambulatori della Asl per chiedere un vaccino prima di partire per un paese dell’Europa, per i quali non sono richieste particolari vaccinazioni ad eccezione di quella contro l’encefalite da zecche raccomandata per l’Austria ed alcuni paesi della zona centro-orientale in determinati periodi dell’anno.
     

    Nel dettaglio il 53% di coloro che si sono rivolti all’ambulatorio erano uomini, la fascia di età più rappresentata è quella fra i 31 e i 50 anni (il 43% del totale) seguita da quella 19-30 anni (26%) Il turismo è stato nel 63% dei casi il motivo del viaggio, il lavoro nel 15%. Fra gli utenti del Centro, infatti, anche i dipendenti di aziende situate sul territorio della Asl 10 inviati in missione all’estero o docenti e studenti di istituti scolastici stranieri situati in provincia di Firenze.

     

    Solo il 18% degli utenti si è rivolto all’ambulatorio su prescrizione del medico curante, meno del 2% su invito delle agenzie di viaggio, mentre la maggior parte per aver reperito le informazione su internet o aver sentito parlare del centro. I mesi di maggior afflusso sono giugno e luglio in vista delle ferie estive e novembre-dicembre per quelle natalizie.
     

    Il Centro della medicina dei viaggi e delle migrazioni dell’Azienda sanitaria di Firenze, istituito nel 1980, si trova alla palazzina 29 in via di San Salvi 12 a Firenze. È aperto dal martedì al sabato dalle 8.30 alle 12.30 e vi si accede tramite prenotazione al Cup metropolitano. In caso di urgenze sono previsti anche accessi immediati.

     

    Operano 3 medici convenzionati e 2 infermiere professionali. Il centro fornisce anche informazioni su problemi di attualità per i viaggiatori o su malattie emergenti, l’influenza aviaria, quella da H1N1, l’infezione da nuovo Coronavirus noto anche come Sars. Dà inoltre consulenza sulle norme igieniche e alimentari da seguire per difendersi dalle malattie infettive e per la profilassi antimalarica: zanzariere, repellenti cutanei, utilizzo di abiti di colore chiaro per la difesa passiva dalle punture di zanzara e poi l’indicazione del farmaco più idoneo da assumere a seconda della zona visitata.

     

    Al centro sanno anche dire in quale paese ci sono rischi di balneazione, se ci sono ragni o serpenti, come funzionano là gli ospedali, cosa mettere in valigia come farmacia di primo intervento. Meglio sentirli prima di partire.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...