spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ricognizione in mattinata: nel pomeriggio previsti temporali, raffiche di vento, grandine

    Dopo una tregua durata solo qualche giorno, la pioggia ha ripreso a scendere su tutto il territorio regionale. "Alla ripresa della settimana – spiegano dal Consorzio di Bonifica della Toscana Centrale – ci stiamo nuovamente organizzando per seguire con attenzione l’evolversi delle condizioni meteorologiche, anche se al momento i fenomeni più intensi stanno riguardando i corsi d’acqua del bacino destro del fiume Arno, Ombrone e Bisenzio su tutti".
     

    "La situazione nel Chianti e in Valdelsa – rassicurano – sembra dunque essere sostanzialmente tranquilla, nonostante la pioggia continui a scendere e nel pomeriggio siano attesi temporali, localmente anche di forte intensità con possibili grandinate e forti colpi di vento".
     

    Una rassegna generale sul reticolo idrografico della Toscana Centrale (comprensori di bonifica n. 21 – Val d’Elsa e n. 22 – Colline del Chianti), effettuata dai tecnici consortili nella mattinata di lunedì 18 marzo, evidenzia che finora sono le precipitazioni sono cadute con una certa regolarità, andando ad interessare principalmente la valle della Pesa.
     

    Dalla serata di domenica, la stazione meteo di Turbone, nella bassa Val di Pesa ha registrato finora un accumulo di precipitazioni pari a 28 millimetri, che hanno fatto salire le acque del torrente fino ad un massimo di 1 metro e 80, ben lontane dai livelli della scorsa settimana e di gran lunga al di sotto delle soglie di attenzione.
     

    Sono caduti invece circa 18 millimetri di pioggia sul bacino del Greve-Ema, tanto da produrre un lento e regolare innalzamento della curva idrometrica che è comunque rimasta sempre sotto un metro di altezza e al momento è nuovamente in discesa.
     

    Piove anche su tutto il bacino del fiume Elsa, dove tuttavia le cumulate di circa 8 millimetri di pioggia vengono regolarmente smaltite da un fiume che rimane intorno al metro e mezzo di altezza delle acque e che dunque riesce a riversare regolarmente nell’Arno, che da dopo Signa, tra Montelupo e Fucecchio sta rapidamente ingrossando a causa della pioggia incessante e delle piene di tutti i corsi d’acqua del versante destro.
     

    In attesa dei temporali pomeridiani e delle schiarite attese tra stasera e domani, per i tecnici del Consorzio, insieme con i Comuni e le strutture della Protezione Civile è ancora una volta il momento di monitorare che tutte le opere idrauliche del territorio funzionino correttamente e permettano il deflusso regolare delle acque.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua