spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ il progetto “Olio della mia terra” che coinvolge Tavarnelle, Barberino e San Casciano

    La storia, il rapporto con la civiltà, il processo di trasformazione tra passato e presente e soprattutto i sapori e le mille qualità da riconoscere e apprezzare al momento dell’assaggio. Il mondo dell’olio, con il suo millenario patrimonio di sapienza e tradizione, entra nelle scuole del Chianti come strumento didattico volto a tramandare ai più piccoli la grande lezione della natura chiantigiana e del suo stretto rapporto con l’agricoltore.

     

    Giovanni Montorselli e Lamberto Baccioni sono alcuni degli agronomi che, nell’ambito del progetto promosso da ChiantiBanca, i Comuni di Barberino Val d’Elsa, San Casciano e Tavarnelle e i Consorzi Olio Dop Chianti Classico e Olio extravergine di oliva toscano Igp, tradurranno il mondo dell’oro verde in una vera e propria materia di studio e in una occasione di conoscenza teorico-pratica offerta agli studenti delle scuole dei tre Comuni.

     

    In accordo con gli Istituti comprensivi di San Casciano e Tavarnelle prende avvio il ciclo di lezioni “Olio della mia terra” che si terrà nelle scuole, materne ed elementari, di San Casciano, Cerbaia, Chiesanuova, Mercatale, Tavarnelle, San Donato e Barberino. Il programma, che parte tra qualche giorno, prevede oltre venti lezioni nel corso delle quali gli esperti spiegheranno agli allievi tutto ciò che c’è da sapere e scoprire sul mondo dell’olio, attraverso proiezioni, immagini, attività in classe e visite alle fattorie, ai frantoi e agli oliveti.

     

    “Con un linguaggio e degli strumenti a portata di bambino – spiegano gli agronomi – cercheremo di far conoscere gli aspetti più interessanti del mondo dell’olio, come la conversione del frutto in prodotto e soprattutto insegneremo loro a distinguere l’olio vecchio da quello nuovo, a degustare l’olio dopo averne colto pregi e difetti; sarà curioso condividere la spontaneità dei bambini mentre bocciano o promuovono le diverse tipologie di olio chiantigiano proposte”.

     

    Il ciclo di lezioni si inserisce nel progetto “Olio della mia terra”, promosso da Chianti Banca, che consente la fornitura di olio di alta qualità, acquistato dalle aziende del territorio, per il consumo nelle mense scolastiche. “Grazie all’intervento di ChiantiBanca – sono le parole degli assessori alla Pubblica Istruzione di San Casciano e Tavarnelle – i pasti delle nostre mense sono preparati con forniture di olio da filiera corta e controllata. Un progetto che avvicina gli studenti ai prodotti della propria terra e favorisce la ripresa economica di alcune aziende agricole, oltre che sensibilizzare il mondo della scuola verso una corretta educazione alimentare”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...