spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Pace e Giustizia in Medio Oriente”: il M5S Chianti fiorentino plaude a iniziativa di Impruneta

    Mozione votata da quasi tutto il consiglio comunale: "Ci impegneremo ad organizzare e promuovere iniziative di confronto pubblico e sensibilizzazione"

    IMPRUNETA – Sulla guerra in Medio Oriente, il gruppo territoriale Chianti fiorentino del Movimento 5 Stelle esprime un “forte e sentito plauso alla mozione presentata al consiglio comunale di Impruneta dal gruppo di maggioranza, Impruneta Rip@rti, dove il Movimento 5S è presente in giunta con il consigliere e assessore Lorenzo Bellini“.

    “Il documento – prosegue il M5S del Chianti fiorentino – è stato votato da tutti i consiglieri di maggioranza e anche da quasi tutti quelli di opposizione”.

    “La mozione – sottolineano – che riprende il testo all’appello lanciato da oltre 70 associazioni, Ong, partiti politici e circa 300 cittadini e rappresentanti delle istituzioni “Pace e Giustizia in Medio Oriente” (la trovate qui), è una spinta per il nostro gruppo territoriale M5S che si impegnerà a organizzare e promuovere iniziative di confronto pubblico e sensibilizzazione”.

    “Ribadendo la nostra condanna ad ogni forma di terrorismo – riprendono dal M5S del Chianti fiorentino – sosteniamo le proposte contenute nel documento”.

    Ovvero, chiedere il cessate il fuoco immediato di tutte le parti in conflitto; esigere l’apertura di corridoi umanitari che permettano l’assistenza alla popolazione di Gaza; esigere il rispetto del Diritto Internazionale Umanitario da parte di tutti i belligeranti; esigere la messa in atto di azioni che impediscano che vengano colpiti obiettivi civili; contribuire ad escludere le argomentazioni religiose, ultranazionaliste e su base discriminante da qualsiasi dibattito riguardante eventuali negoziati di Pace, come precondizione essenziale affinché ci sia un dialogo proficuo.

    E ancora, sostenere con tutti i mezzi a disposizione quella parte della popolazione e della società civile israeliana che si oppone a questo governo e alle sue politiche; parallelamente è altresì necessario sostenere con uguale forza le Ong e le organizzazioni che, lavorando a Gaza e in Cisgiordania, promuovono una società inclusiva e opposta al fondamentalismo.

    Il documento chiede anche di porre in atto azioni credibili che mettano fine al principale ostacolo per la Pace in Medio Oriente, ovvero l’occupazione militare israeliana dei Territori occupati palestinesi, con garanzie di sicurezza per la popolazione israeliana.

    Infine, rimettere al centro della politica internazionale il principio dell’autodeterminazione dei popoli.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...