spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ il dato sui dieci comuni fra politiche 2008 e politiche del 2013

    CLICCA QUI PER ACCEDERE

    ALLO "SPECIALE POLITICHE 2013 NEL CHIANTI"

    PER CONSULTARE TUTTI I DATI

    E I RISULTATI NEL NOSTRO TERRITORIO

     

    La tabella che vedete sopra (CLICCARE SULL'ICONA PIU' PICCOLA PER INGRANDIRLA) racconta quella che è stata la parabola del Partito democratico negli otto comuni del Chianti fiorentino e senese (Barberino, Greve, San Casciano, Tavarnelle, Castellina, Radda, Gaiole, Castelnuovo), a Bagno a Ripoli e a Impruneta dalle politiche del 2008 a quelle del 2013.

     

    Abbiamo inserito anche il dato delle regionali 2010, che però ha un valore soprattutto se si guarda la percentuale. Per quanto riguarda infatti il numero complessivo di votanti, si trattò di elezioni con affluenza troppo più bassa di quella che si registra alle politiche.

     

    Ed ecco quindi che, facendo due conti, si scopre che in cinque anni il Pd in questo territorio ha perso 6.595 voti: dai 33.284 del 2008 è arrivato ai 26.689 del 2013. Le due maglie nere le prendono i comuni di Castellina in Chianti (-10,56%) e di Tavarnelle (-10,42%).

     

    Terzo, sul podio dei cali maggiori, c'è Radda in Chianti (-9,36%). Poi seguono Impruneta (-8,72%), Barberino Val d'Elsa e Castelnuovo Berardenga (in entrambi i comuni -8,54%), San Casciano (-7,98%), Greve e Gaiole in Chianti (-7,83%). Il comune che ha tenuto meglio per il Partito democratico si conferma Bagno a Ripoli, che dal 2008 al 2013 ha visto una flessione del 7,13%.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...