spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Interviste “Parlamentarie”: “Il mondo del lavoro deve essere rappresentato in Parlamento”

    Achille Passoni, senatore uscente del Partito democratico, in lizza nel collegio della provincia di Firenze nelle "Parlamentarie" del Pd, negli anni è stato uno di quelli che non ha perso di vista la centralità del lavoro.

     

    Perché dare la preferenza proprio a lei?

    "Perché il mondo del lavoro deve essere ancora rappresentato all'interno del Parlamento ed io mi batto da tempo per questo. Il lavoro è il centro della vita delle persone, l'elemento decisivo attorno al quale ruota la vita di ognuno. La prossima saràla legislatura del grande cambiamento: il lavoro deve essere il paradigma attorno al quale si ridisegna tutto: il fisco, i diritti, …".

     

    Quanto conta e come manterrà il rapporto con il territorio?

    "Secondo me è decisivo: cinque anni fa sono stato proposto dalla direzione nazionale in Toscana, e da quel momento è diventato mio preciso dovere rappresentare le istanze di questa regione. Ho seguito tutte le vertenze relative al mondo del lavoro, ad esempio quella sulla Selex. Saròpiù chiaro: se un parlamentare non mantiene un rapporto con il territorio cosa ci sta a fare a Roma?".

     

    Le tre priorità che si darebbe una volta a Roma…

    "Le dico subito: lavoro, lavoro e lavoro. Sarò ripetitivo ma questo è il paradigma centrale intorno al quale dare maggiore competitività al nostro Paese e restituire un po' di certezze alle persone".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...