spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Cantiere Autopalio chiuso da tempo: il sindaco Pescini ha incontrato Anas

    In Prefettura: "Situazione insostenibile per i cittadini che quotidianamente percorrono la Firenze-Siena"

    CHIANTI FIORENTINO – Viene definito "un incontro positivo" quello che il Comune di San Casciano, affiancato dalla Prefettura di Firenze, ha sollecitato nel confronto con i tecnici di Anas per conoscere l’effettivo stato dei lavori e gli eventuali aggiornamenti sulla sospensione del cantiere in corrispondenza del viadotto delle Terme, sul raccordo autostradale Firenze-Siena.

     

    L’eccessiva lunghezza dei tempi, con la quale, da oltre un anno, si protrae il blocco dei lavori su una delle arterie più importanti della Toscana, e la richiesta di investimenti adeguati sul piano della manutenzione ordinaria e straordinaria, indispensabili alla fluidità della circolazione stradale.

     

     

    Sono questi i temi che hanno connotato l’obiettivo dell’incontro, avvenuto nella sede fiorentina della Prefettura di Firenze alla presenza del sindaco di San Casciano Massimiliano Pescini, del Prefetto di Firenze, la dottoressa Laura Lega, e del rappresentante di Anas, mosso dalla necessità di far fronte alle gravi criticità sollevate e segnalate, già con una petizione e numerosissime segnalazioni, dalle amministrazioni comunali e dalle comunità chiantigiane.

     

    “I primi a riscontrare le ripercussioni negative del problema sono loro – ha dichiarato il sindaco Massimiliano Pescini – i cittadini che percorrono quotidianamente la viabilità per motivi di lavoro, studio, visita. Ho espresso a nome loro e dei colleghi amministratori le serie e fondate preoccupazioni rispetto ad una situazione divenuta ormai insostenibile e inconciliabile con le necessità lavorative e la qualità della vita del nostro territorio”.

     

    Dall’incontro è emersa la causa che ha determinato la lunghezza dei tempi, legata sostanzialmente alle verifiche effettuate sul viadotto, rese necessarie dalle modifiche richieste dal progetto.

     

     

    “Al momento Anas Firenze – fa sapere il sindaco Pescini – è in attesa del parere che la direzione generale dovrà esprimere sui risultati delle analisi effettuate e sulla perizia di spesa cui seguiranno le procedure tecniche di gara per effettuare i lavori”.

     

    Il sindaco si dice soddisfatto della collaborazione espressa dalla Prefettura di Firenze.

     

    “Sua eccellenza il Prefetto si è resa disponibile a coadiuvarci – aggiunge – facendosi parte attiva al fianco delle amministrazioni comunali, abbiamo concordato infatti di seguire insieme il caso, chiedendo incontri e scrivendo lettere di accompagnamento a quanto già inviato, ci auguriamo che lo spirito collaborativo dimostrato dal rappresentante Anas si traduca in realtà, fatti concreti e verificabili nei prossimi mesi".

     

    "Da parte nostra – conclude – continueremo a seguire incessantemente e con grande attenzione tutte le fasi della questione, compreso lo stato successivo dei lavori sul fronte la manutenzione ordinaria e straordinaria. E’ una vicenda che si è protratta troppo a lungo e necessita di essere seguita con molta più forza di come Anas abbia seguito fino ad oggi”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...