spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Organizzata dal Gazzettino del Chianti: firma anche tu, fai sapere che non sei d’accordo

    FIRENZE-SIENA – Un emendamento al disegno di legge di Stabilità, presentato dai Senatori della Repubblica Jonny Crosio e Silvana Andreina Comaroli della Lega Nord, renderebbe la Firenze-Siena, la cosiddetta Autopalio, una strada a pedaggio.

     

    Il pedaggiamento di questa strada che unisce Firenze e Siena è un tema all'ordine del giorno da tempo: si sono scagliati contro gli enti locali, le associazioni di categoria, i cittadini.

     

    CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA PETIZIONE E FIRMARE

     

    La strada ad oggi non è in condizioni di sicurezza (manca anche la corsia di emergenza) da rendere accettabile il pagamento di un pedaggio per percorrerla.

     

    Serve un territorio con vaste aree industriali ed è quindi usata quotidianamente da centinaia di mezzi a scopo lavorativo (autisti, corrieri, lavoratori).

     

    Un pedaggiamento dell'Autopalio sposterebbe gran parte del traffico lungo la via Cassia e quindi nei paesi che questa attraversa.

     

    Per questo il quotidiano on line Il Gazzettino del Chianti e delle colline fiorentine organizza questa raccolta di firme per rendere evidente, una volta di più, il NO AL PEDAGGIO IN AUTOPALIO.

     

    CLICCA QUI PER ACCEDERE ALLA PETIZIONE E FIRMARE

     

    Per informazioni: redazione@gazzettinodelchianti.it.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...