sabato 6 Marzo 2021
Altre aree

    Polizia locale del Chianti fiorentino: bilancio 2020 con oltre 11.000 controlli anti Covid

    Lo traccia il comandante, Massimo Zingoni, fra controlli a persone (4.124) e su attività commerciali ed economiche (circa 7.000). Meno persone in giro, crollati gli incidenti stradali

    CHIANTI FIORENTINO – L’Unione comunale del Chianti fiorentino rafforza il quadro delle azioni e degli obiettivi della polizia locale, servizio gestito in forma congiunta dai Comuni di Greve in Chianti, San Casciano e Barberino Tavarnelle.

    “Il dato più rilevante che emerge dal bilancio relativo al 2020 – si legge in una nota diramata dalle tre amministrazioni comunali – tracciato dalla polizia locale, è il sensibile aumento dei servizi di prevenzione, controllo e sicurezza”.

    “Il 2020 è stato un anno di presenza costante e mirata sul territorio – rilevano i sindaci Paolo Sottani, Roberto Ciappi e David Baroncelli – l’emergenza sanitaria da Covid-19, scoppiata la scorsa primavera, ha richiesto ai 25 agenti della polizia locale dell’Unione comunale, distribuiti su un territorio esteso come il nostro, un maggior impiego di energie con l’obiettivo di garantire sicurezza alla comunità a tutela della salute pubblica”.

    Ad illustrare nel dettaglio l’attività è il comandante della polizia locale, Massimo Zingoni.

    “Abbiamo rafforzato la presenza sul territorio mettendo in piedi una macchina organizzativa – spiega il comandante –  che ha saputo far fronte alle diverse necessità sanitarie dettate dal rispetto delle norme anti Covid”.

    Ad attestare il potenziamento dell’intervento sul territorio i dati relativi al controllo delle misure di prevenzione e contenimento del contagio da Coronavirus, sia in relazione al controllo sugli spostamenti disciplinati dai vari DPCM sia dalle norme stabilite in base alla fascia di colore attribuita alla Regione Toscana dal Ministero della Salute.

    Nel corso del 2020 sono stati effettuati complessivamente 4.124 controlli ad altrettante persone e dalle stesse sono state raccolte le apposite autocertificazioni.

    La vigilanza in questo periodo è stata rivolta anche agli esercizi commerciali. “Sono state effettuate numerose verifiche anche alle realtà economiche – precisa il comandante Zingoni – sono circa 7.000 gli interventi che abbiamo svolto sugli esercizi commerciali in sede fissa e in forma ambulante, presenti sul territorio, per il controllo del rispetto delle varie normative in materia di sicurezza”.

    Altro settore per il quale si è reso necessario un potenziamento dei servizi di vigilanza è stato quello dei mercati settimanali per il dimensionamento e la nuova collocazione dei banchi, disposti in conformità ai decreti legislativi, in accordo con gli uffici Sviluppo economico dei tre Comuni.

    Una notizia positiva emerge dal bilancio degli incidenti stradali, che con meno persone in giro hanno subito un rallentamento.

    “Si sono ridotti considerevolmente i sinistri stradali – conclude il comandante – nel 2020 sono stati rilevati 87 incidenti di cui 66 con feriti”.

    Nel triennio precedente la media degli incidenti si attestava intorno ai 145.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...